News ed Eventi
Stand Out from the crowd!

UN MOMENTO DELL’INTERVENTO DI SIMONE POLETTI ALLO STANDO OUT 2016

13/05/2016
Simone Poletti

Stand Out from the crowd!

La giornata dello scorso 28 aprile allo Stand Out si candida ad essere la migliore di una prima parte del 2016 davvero piena di soddisfazioni e di esperienze positive.

È passato ormai qualche mese, ma ricordo in modo piuttosto vivido la prima telefonata di Silvana di Phase One: “Ti andrebbe di essere fra i relatori dello Stand Out 2016 a Milano?

Credo che fra la domanda e il mio sì siano passati pochi minuti, il tempo di controllare che la data fosse libera da altri impegni.

Il mio entusiasmo era ed è ben motivato: Stand Out è uno degli eventi più importanti della fotografia a livello internazionale, un Photographic Forum che Phase One organizza con i suoi partner in tutto il mondo e che quest’anno ha toccato e toccherà: Parigi, Monaco di Baviera, Londra, Milano, Dubai, New York, Los Angeles e Toronto.

Per farti capire meglio: ad ogni evento sono previsti 8 relatori scelti fra i fotografi e gli esperti nel trattamento dell’immagine più importanti sul mercato. Alcuni nomi? Pratik Naik, Mark Seliger, Michael Muller e, per la data italiana: Chris Lawrence, Giampaolo Sgura, Paolo Baccolo, Marco Martignoni, Riccardo Urnato, Alberto Maccagno, Giulio Rustichelli e… Simone Poletti 🙂

LEGGI TUTTO >>

Recensioni
Wacom Intuos Pro 2017: out of the box!

FOTO DI FAMIGLIA: IO E LA MIA NUOVA INTUOS PRO

05/04/2017
Simone Poletti

Wacom Intuos Pro 2017: out of the box!

Qualche settimana fa (ne abbiamo parlato anche su Facebook) il postino ha suonato alla porta del nostro studio e ha consegnato un pacco diverso dagli altri.
Dentro c’era una bellissima Wacom Intuos Pro M Paper Edition

 

Sono un utilizzatore seriale di tavolette grafiche da più di 10 anni e devo dire che mi hanno cambiato la vita, professionalmente parlando.

Dalla mia prima Intuos 3 Wide, passando per Cintiq e almeno altre tre generazioni di Intuos, sono rimasto anche un utilizzatore di tavolette Wacom, più per necessità che per fedeltà alla marca. Mi spiego: sugli strumenti di lavoro sono un tipo estremamente pragmatico e…

 

Scelgo quelli che mi permettono i migliori risultati.

A parità di risultati, scelgo i più veloci.

A parità di risultati e velocità, scelgo i più belli.

A parità di risultati, velocità e design, scelgo i più economici 😉

 

Per questo non ho avuto problemi dopo tanti anni ad inserire Capture One nel mio flusso di lavoro. E ho realizzato anche diversi video-corsi su un software che, scusate l’immodestia, prima che FotografiaProfessionale ne parlasse in modo diffuso, di rado usciva da un piccolo numero di studi di professionisti di alto livello.

Continuo ad usare Wacom perché le tavolette giapponesi funzionano meglio, durano di più, mi permettono di essere più veloce e il design è sempre molto curato. Il prezzo, come dicevo, è il quarto fattore.

Capirai, quindi, perché sono stato molto felice quando abbiamo potuto annunciare la collaborazione con Wacom per quest’anno. Questo mi permetterà di provare e recensire molti strumenti interessanti e ha già consentito agli allievi dell’Accademia di Post di lavorare su delle nuovissime Intuos Pro nel primo workshop live della nuova edizione.

LEGGI TUTTO >>

Tecnica Fotografica
Aiutiamo l’Europa! Evitiamo il blackout con la fotografia!

COME FOTOGRAFARE UN’ECLISSI SOLARE

17/03/2015
Simone Conti
14 commenti ]

Aiutiamo l’Europa! Evitiamo il blackout con la fotografia!

Probabilmente nei prossimi giorni saremo bombardati da fotografie del sole! Venerdì 20 Marzo 2015 è una data importante perché non sarà il “solito venerdì”. Una eclissi di sole totale (in Italia) è un fenomeno che non accade molto di frequente: l’ultima volta che si è verificato un evento di questo tipo in Italia era, se non sbaglio, l’Agosto del 1999.

Questa volta, visti gli sviluppi nel campo delle energie rinnovabili, sembra che in Europa una eclissi di sole possa portare, potenzialmente, a qualche disagio dal punto di vista pratico. In alcuni paesi, come la Germania, la produzione di energia elettrica è composta per almeno il 7% (in alcuni periodi specifici fino al 50%) da energia solare. Questa eclissi solare si verificherà in uno degli orari a più alto consumo energetico. Come probabilmente saprai l’energia elettrica non viene conservata negli impianti o all’interno della rete elettrica di distribuzione, ma viene generata in tempo reale e portata, dove serve, alla velocità della luce. 🙂

Ti chiederai: «Cosa c’entra tutto questo con la fotografia?»

La risposta è molto semplice: assolutamente nulla… o quasi!

L’eclissi solare di Venerdì 20 Marzo 2015 sembra possa essere un problema per l’equilibrio dell’intera rete elettrica Europea in ragione dell’alto contributo che viene dato dagli impianti a energia solare! C’è però chi sostiene che nonostante, rispetto alla media, ci potrebbe essere un deficit negativo di produzione di elettricità… in realtà non si verificherà nessun problema! Perché?! Perché la stragrande maggioranza delle persone, durante l’eclisse, non sarà al lavoro, ma sarà impegnata, con il naso all’insù, a osservare il fenomeno.

Ecco quindi che, se venerdì ti dedicherai alla fotografia e catturerai l’eclissi solare in uno scatto, in realtà starai salvando l’intera Europa! Questo è vero soprattutto in Italia. Visto che in Italia importiamo una grandissima quantità di energia elettrica (circa 45 TWh ogni anno!) c’è bisogno di tutto il nostro aiuto. Smettere di lavorare per circa un’ora Venerdì 20 Marzo e dedicarti alla fotografia è un modo per salvare L’Europa! 😀

Spero di averti convinto dell’importanza della fotografia in questo caso! Ora, probabilmente, ti chiederai… come si fotografa un’eclissi solare?

Innanzi tutto devi assolutamente tenere presente che osservare il sole senza alcuna protezione sugli occhi, anche durante un’eclissi, può essere molto pericoloso e causarti ingenti danni ai tuoi occhi. Non necessariamente si deve provare dolore per sapere che i propri occhi sono danneggiati. Presta molta attenzione e cerca di evitare in ogni modo possibile di osservare il sole direttamente!

Gli occhiali da sole non sono sufficienti a proteggerti e guardare all’interno del mirino della macchina fotografica per inquadrare è altamente sconsigliato. Ricorda di proteggere innanzitutto la salute dei tuoi occhi.

Vediamo quindi quale attrezzatura ti serve per realizzare uno scatto dell’eclisse.

MeFOTO - Cavalletto A1350Q1 Blu con borsa per il trasporto
MeFOTO – Cavalletto A1350Q1 Blu con borsa per il trasporto

Sicuramente è utile appoggiarsi ad un cavalletto. Una volta realizzata l’inquadratura ed eseguita la messa a fuoco, avere la macchina fissa su un cavalletto sarà più semplice e ti consentirà di salvaguardare la tua vista evitandoti di continuare a reinquadrare e osservare dal mirino.

Visto che l’obiettivo tende a concentrare e “amplificare” la luce che colpisce il sensore, anch’esso come gli occhi, potrebbe essere danneggiato dalla luce solare diretta. Presta attenzione pertanto, soprattutto se hai una macchina mirrorless, a limitare il tempo di esposizione del sensore e cerca di limitare la luce che lo andrà a colpire.

Come fare?

Filtro ND Big Stopper Lee Filters
Filtro ND Big Stopper Lee Filters

Il modo più semplice è quello di utilizzare un filtro ND. Per fotografare un’eclissi solare ti consiglio, ad esempio, l’uso di un filtro a Densità Neutra da almeno 10 stop.

Quale obiettivo è bene utilizzare?

Probabilmente vorrai avere un buon dettaglio del disco solare coperto dalla luna. Per avere il sole di una dimensione importante all’interno del fotogramma ti servirà una lente che garantisca un buon ingrandimento. Direi pertanto che l’obiettivo più indicato sarà un tele. Probabilmente un 300mm o un 400mm sono i migliori per avere un dettaglio estremo della corona circolare che l’eclissi andrà a creare.

Ricorda inoltre, nel momento in cui andrai a realizzare l’inquadratura, che sarà opportuno lasciare un po’ di “aria” attorno al sole per riuscire a catturare l’effetto “aura” che si andrà a creare nel momento di maggiore sovrapposizione tra sole e luna (è l’effetto che puoi osservare nell’immagine di copertina).

Visto che l’eclissi è un fenomeno naturale con uno sviluppo temporale ben definito, potrebbe essere interessante coglierne l’intero sviluppo, non credi? Per ottenere ciò, dovrai realizzare una sequenza di foto, possibilmente a intervalli regolari, per documentare l’intero svolgersi del fenomeno; in questo caso lo strumento perfetto è l’intervallometro. Potrebbe essere un intervallometro a cavo classico, oppure uno strumento software per intefacciare il tuo smartphone alla macchina e ottenere lo stesso risultato, ma con uno spiccato orgoglio nerd! 😀

Bene! Prima di passare ai settaggi che ti consiglio, fammi fare un piccolo riassunto per punti con alcuni consigli per gli acquisti nel caso ne avessi bisogno.

1. Cavalletto (Possibilmente leggero e compatto nel caso tu voglia realizzare la foto nel corso di una escursione… dai uno sguardo qui!)

2. Macchina fotografica Reflex (Meglio evitare le mirrorless e prediligere sensori con elevata risoluzione per poter effettuare un crop in fase di editing… Oggi mi sento di consigliarti questa!)

3. Obiettivo tele (Meglio se con una lunghezza focale superiore a 300mm soprattutto se scatti con una macchina full frame… Cosa ne dici di questo per contenere il budget?)

4. Filtro ND da 10 Stop (Non c’è grossa differenza in questo caso tra filtri a lastra e filtri a vite, ma se vuoi costruirti un corredo da utilizzare anche per la fotografia di paesaggio ti consiglio quelli a lastra… Qui non ho alcun dubbio su cosa consigliarti!)

5. Intervallometro (Se vuoi realizzare una sequenza di scatti e cogliere tutto lo svilupparsi dell’eclisse, un intervallometro ti permetterà di ottenere il migliore risultato… Il mio preferito è questo! È lo stesso di cui ti parlo anche nel mio video-workshop “Fotografare il paesaggio”)

Ora che sai quali strumenti necessiti per realizzare gli scatti… hai idea di come fare?

Dovrai inquadrare senza guardare nel mirino, mettere a fuoco senza autofocus e soprattutto non avrai molto tempo per fare delle prove se vorrai effettuare una sequenza di tutto il fenomeno.

Come fare?

Per inquadrare senza guardare nel mirino ti consiglio di usare (con parsimonia!) il live-view della tua macchina. Questo salvaguarderà i tuoi occhi totalmente (anche se metterà un poco a rischio il sensore della tua macchina) e ti consentirà di fare (rapidamente) tutte le operazioni di composizione dello scatto che riterrai opportune. Il display della macchina sarà in grado di riprodurre l’immagine, ma avendo una luminosità limitata (per fortuna in questo caso) non ti accecherà come farebbe il sole.

A differenza di ciò che avviene nella fotografia di paesaggio ti consiglio di effettuare le operazioni di inquadratura e composizione dello scatto con già il filtro ND montato. Forse ti stai chiedendo se riuscirai a vedere qualcosa? Ti assicuro che nonostante l’eclissi solare la brillantezza del sole sarà più che sufficiente per “passare” la barriera data dal filtro.

E per la messa a fuoco? Con il filtro ND riuscirai a mettere a fuoco correttamente?

Certo! La distanza del sole è nota! Il sole è abbastanza lontano da poterti permettere di realizzare scatti impostando l’obiettivo all’infinito. In questo caso la messa a fuoco è semplice ed è anche inutile utilizzare ad esempio l’iperfocale, non avendo probabilmente oggetti vicino a te da mantenere a fuoco: se sei interessato all’eclissi sarà il sole ad essere il tuo centro di attenzione. Addirittura puoi decidere di mettere a fuoco senza nemmeno controllare! Imposta l’obiettivo in manuale e metti a fuoco posizionando la ghiera all’infinito.

Diaframma? Tempo di scatto? ISO?

Come ti dicevo all’inizio di questo articolo, la precedente eclissi di sole si è verificata diverso tempo addietro. Non ho avuto modo di provare le giuste impostazioni. Faccio pertanto un tentativo… al buio! Vedremo se riuscirò ad azzeccare i giusti settaggi solo sulla base dell’esperienza.

Senza esposimetro e senza esperienza diretta e comprovata in questo campo… io direi:

Filtro ND -10Stop, f/10, 1/2000s, ISO 100

Questi credo siano settaggi che non si allontaneranno molto da quelli da utilizzare per avere la corona circolare del sole correttamente esposta (tutto il resto sarà ovviamente nero!). Queste impostazioni credo che saranno valide solo se le condizioni meteo saranno favorevoli e il cielo terso. In caso contrario si dovrà lasciare entrare un filo in più di luce… oppure si dovrà desistere dal fotografare nel caso di intensa nuvolosità! 😀

Probabilmente l’ultima cosa che ti stai chiedendo è: «Cosa si vedrà? Ne vale la pena?»

L’eclissi avrà luogo al mattino, con un orario di inizio leggermente diverso a seconda della latitudine. In Italia non sarà totale ma sarà decisamente visibile. Inizierà prima in Sardegna, alle 9:16 in provincia di Cagliari, poi Roma (9:23), a Milano (9:24), a Napoli (9:25), a Lecce e infine a Trieste (9:30). Il massimo livello di oscuramento si potrà osservare dopo circa un’ora dall’inizio del fenomeno, che si concluderà poi intorno alle ore 11:45.

Anche l’intensità dell’eclissi solare dipenderà dal punto di osservazione. Qui sotto puoi vedere un’animazione che ti mostra le aree interessate dal fenomeno.

L’eclissi sarà massima al Nord Italia (ad Aosta si potrà osservare una copertura del 67,2% del disco solare, a Milano quasi il 65%), diminuendo poi via via che si scende lungo al penisola (Roma 53,8%, a Napoli e Siracusa non supererà invece il 39,7%).

Cosa ne dici? Ti va di provare a documentare l’eclissi e salvare l’Europa dal blackout?

Hai una grande responsabilità!

Ciao e buone foto

Simone Conti

 

P.S.: Speriamo in condizioni meteo favorevoli! Come dico anche nel mio videocorso “Introduzione alla pianificazione nella fotografia di Paesaggio” la pianificazione è estremamente importante e, come probabilmente saprai, le previsioni meteo a una distanza di più di 3 giorni non sono totalmente attendibili!

P.P.S.: Te ne sei accorto? Sono riuscito a scrivere un intero articolo e, al contempo, sono riuscito a NON parlare di flash! INCREDIBILE! 😀

News ed Eventi
2016: analisi semi-seria di un anno bisestile

FACCIO I SELFIE MOSSI AL 2016!

04/01/2017
Simone Poletti

2016: analisi semi-seria di un anno bisestile

Analisi semi-seria di un anno bisestile e degli accadimenti nel mondo della Fotografia e della Post-produzione.

 

A fine anno, o all’inizio di quello dopo, va un sacco di moda fare bilanci.

Ecco, a me i bilanci non piacciono moltissimo e tendo ad evitarli.

Un po’ perché c’è sempre quello che tende a vedere tutto scuro, un po’ perché mi fanno ricordare anche gli errori che non mi va di ammettere, un po’ perché preferisco pensare a ciò che ho imparato.

Quindi iniziamo il 2017 con un elenco (semiserio) di quello che è successo nel 2016 di FotografiaProfessionale e di quello che ha imparato Simone Poletti (cioè io).

Sul mio profilo Facebook lo faccio spesso, elenco le “cose che ho imparato di…” o il “riassunto del mese di…”

 

Carta e penna pronte, ecco quindi il magnifico:

Cose che ho imparato del 2016 e riassunto degli eventi principali

 

Gennaio 2016 - Formazione a Cuneo
Gennaio 2016 – Formazione a Cuneo

1.

Il 2016 è iniziato con un fantastico weekend di Formazione a Cuneo (nell’immagine tratta dalla nostra pagina Facebook una testimonianza del viaggio). A Cuneo in gennaio fa un freddo terrificante ma c’era una sala pienissima per il seminario di sabato e abbiamo dovuto aggiungere due tavoli anche per il workshop di domenica. La cosa più fica di tutto questo è che alcuni dei ragazzi e delle ragazze presenti a quel seminario e a quel workshop sono poi diventati allievi dell’Accademia di Post!

A Cuneo ho imparato che nelle sale comunali piemontesi “quelli lì” (i Macintosh) non funzionano e che il Monviso sembra proprio la montagna della Paramount (e dell’acqua, ma non si dice quale). Ho imparato anche i piemontesi hanno un sacco di voglia di fotografia e post e che quando si mettono in moto non li ferma più nessuno.

 

2.

Durante una pausa del seminario di Cuneo si sono avvicinate due ragazze giovanissime: mi sorridono, si presentano e mi dicono “Ciao, noi vorremmo venire a fare uno stage in FotografiaProfessionale“. E io penso “Sì sì… Ma vuoi che si spostino fino a Reggio Emilia per uno stage?“.

Una di quelle due ragazze era Elisa, che ha effettivamente fatto qualche mese di stage con noi, poi si è iscritta all’Accademia e ora sta concludendo il suo percorso. Ma soprattutto si è laureata da poco, rendendoci tutti molto orgogliosi 🙂

 

Il 2016 ed Elisa mi hanno insegnato che “i giovani d’oggi” (che spesso sottovaluto) sanno essere parecchio svegli, concreti a cazzuti!

 

3.

Nel 2016 ho scoperto anche che Steve McCurry non fa vera fotografia, ma è uno di quelli che “trucca la immagini con Photoshop“. 🙂

 

Cuba, 2014 (©Steve McCurry - Magnum Photo)
Cuba, 2014 (©Steve McCurry – Magnum Photo)

 

È ormai celebre la polemica esplosa dopo la pubblicazione di un post, da parte di un amico fotografo piemontese (sempre questi piemontesi) che fra l’altro era al seminario di cui parlavo prima. Paolo (questo il nome del fotografo), va a vedere la mostra di McCurry a Venaria Reale, si accorge di alcuni ritocchi maldestri in uno scatto “cubano” e posta un articolo sul suo blog e su Facebook.

Immediatamente condiviso da centinaia di persone in tutto il mondo, l’articolo porta Mc Curry a scusarsi per l’accaduto e a licenziare il ritoccatore.

Ho difeso McCurry in questo articolo “Io sto con McCurry e ti spiego perché” ma devo dire che sono rimasto molto deluso dal licenziamento del ritoccatore. Quante volte quel ritoccatore avrà “salvato il culo” al buon Steve aiutandolo ad ottenere il successo che ha? E al primo errore (erroraccio certo, ma umano è) lo licenzi? Avrebbe fatto più bella figura se lo avesse difeso fino alla fine 😉

Anche perché sono convinto che la responsabilità del risultato finale sia comunque di chi ci mette faccia e nome, cioè del buon Steve. Quella immagine ha quegli errori perché il ritoccatore ha sbagliato, ma soprattutto perché chi doveva controllare e chi aveva la responsabilità dello scatto (Steve McCurry), non ha vigilato come doveva.

Il 2016 e McCurry mi hanno insegnato che puoi essere famoso e bravissimo, hai comunque il diritto di sbagliare.

Ma poi assumiti le tue responsabilità e accettane le conseguenze, altrimenti…

 

4.

Il 2016 è stato per me anche il primo anno da relatore allo Stand Out Photography Forum, un evento fighissimo e una giornata fantastica.

 

Un momento dell'intervento di Simone Poletti allo Stando Out 2016
Un momento dell’intervento di Simone Poletti allo Stando Out 2016

 

Stand Out 2016 è stata un’occasione incredibile per conoscere dal vivo tantissimi fotografi con i quali ero in contatto da tempo.

Ho visto cose che voi umani non potreste nemmeno immaginare: sistemi digitali Phase One da 100 MP, gusci sottomarini Nimar per sistemi digitali da 100 MP, fotografi americani che vivono in Sardegna e parlano un italo-spanglish meraviglioso, reportagisti incredibili. E soprattutto un pubblico bellissimo e appassionato di pro (e non pro) con carriere e aziende in ottima salute e una gran voglia di crescere ed imparare. Che figata!

Ho scritto un report piuttosto corposo di quella bellissima giornata che trovi in questo articolo: “Stand Out From the Crowd!”

In un anno durante il quale ho scoperto che (scusa se mi auto-cito):

“Ogni mattina un fotografo si sveglia e si prepara a scattare le sue fotografie. E sa che dovrà essere più bravo e più veloce.

Ogni mattina un fotoritoccatore si sveglia e inizia a correggere le immagini di un fotografo. E sa che dovrà essere più bravo e più veloce.

Non importa che tu sia un fotografo o un ritoccatore, non importa che tu pubblichi una foto, un articolo, un ritocco, un post di auguri, un corso di Photoshop o un selfie del tuo gatto:
ci sarà sempre un rompicoglioni pronto a commentare “Questa non è vera fotografia!”

Ecco, in un anno in cui ho scoperto che un sacco di gente preferisce criticare che fare e un sacco di fotografi danno la colpa del proprio insuccesso al successo degli altri, ho anche la conferma (se mai ce ne fosse stato bisogno) che quelli che costruiscono il proprio successo sui fatti sono spesso persone fantastiche, disponibili e sempre alla ricerca di uno spunto per crescere.

Dal 2016 e dallo Stand Out ho imparato che il talento, l’impegno, il lavoro, la competenza e anche un po’ di sana FACCIA DA CULO… pagano. E portano grandi soddisfazioni.

 

Chi ti racconta che in Italia paga solo il clientelismo e non serve avere talento ma basta leccare culi, spesso (non sempre, spesso) ha gettato la spugna troppo presto o cerca un alibi per i propri fallimenti.

 

5.

Il 2016 è stato anche l’anno in cui abbiamo diplomato la seconda e la terza dell’Accademia di Post e stiamo per concludere la quarta.

Gruppi di lavoro in Accademia
Gruppi di lavoro in Accademia

 

Dalle Balene dell’Accademia di Post ho imparato che si può lavorare 10 ore al giorno, tornare a casa ed occuparsi della famiglia, studiare fino a tarda notte, fare i compiti per quel rompic*****ni di Poletti e il weekend venire ai workshop. La forza scorre potente in questi uomini e donne, ragazzi e ragazze!

Una delle cose più belle di questo 2016 è stato vedere molti di loro costruire qualcosa di concreto.

Grazie baleni! 🙂

 

6.

Ecco, prendendo proprio le Balene dell’Accademia come esempio, devo dire che il 2016 è stato decisamente l’anno in cui abbiamo stabilito che i famosi “sogni nel cassetto” servono a pochissimo.

Continuo a sentire un sacco di gente che “insegue i propri sogni” o che mi scrive cose del tipo “ho un sogno nel cassetto che temo rimarrà tale” ecc… ecc..

Ma il 2016 mi ha dimostrato (come tutti gli anni precedenti, ma prima facevo finta di non capire) che l’unico modo per realizzare un sogno è… realizzarlo. Cioè trasformalo da sogno in obiettivo, in progetto concreto e portarlo fino in fondo.

In fondo anche FotografiaProfessionale è un sogno realizzato, l’Accademia di Post è un sogno realizzato, la Membership di FotografiaProfessionale è un sogno realizzato e ce ne sono tanti altri negli ultimi anni del nostro team. Solo che preferisco chiamarli obiettivi raggiunti 😉

Per questo insegnamento devo ringraziare tutti gli ostacoli e le difficoltà che questi 12 mesi ci hanno messo di fronte.

Il 2016 e i suoi ostacoli mi hanno insegnato che i sogni sono belli, ma i progetti portati a termine sono molto meglio. Nei cassetti ci tengo le mutande e la biancheria pulita.

Le persone che ho incontrato in questi mesi e in questi anni mi hanno anche dimostrato e insegnato che i tuoi obiettivi te li devi porre da solo e devi raggiungerli grazie al tuo lavoro.

Farsi assumere da FotografiaProfessionale non è un obiettivo. O, per lo meno, può esserlo ma si raggiunge solo attraverso le competenze e il lavoro.

Mi spiego meglio: se il tuo obiettivo è “diventare un grande fotografo” non puoi rinunciare solo perché “ho contattato 100 fotografi per fare loro da assistente e non mi prende nessuno“.

Prima di tutto chiediti perché nessuno ti prende, poi smettila di dare loro la responsabilità del fallimento del TUO obiettivo. Se quella strada non va, trovane un’altra 😉

 

7.

Il 2016 è stato l’anno in cui Simone Conti si è sposato e trasferito negli Stati Uniti, per la precisione a San Francisco

 

1160 Filbert Street - San Francisco
1160 Filbert Street – San Francisco

 

 

Ora, FotografiaProfessionale non è un team di 20 persone, chi realmente lavora ogni giorno per FP siamo io, Gloria, Simone e da poche settimane Caterina.

Quindi quando un tuo socio (e il fotografo principale del team) ti dice “Sai, ho deciso di trasferirmi a San Francisco” hai davanti una nuova sfida, imprevista e bella tosta!

Ho visto società scogliersi per molto meno e aziende andare in grossa crisi.

Oggi, dopo 6 mesi dal trasferimento effettivo di Simone, devo dire che siamo felici.

Siamo felici perché è felice lui e ha trovato una dimensione che lo soddisfa e lo gratifica, rimanendo comunque una colonna di FotografiaProfessionale e parte integrante del team.

Siamo felici perché noi come team ce la siamo cavata egregiamente e siamo cresciuti (come ogni anno dalla nascita di FP) anche di fronte a queste difficoltà.

Abbiamo imparato a fare cose che non sapevamo fare, abbiamo colto l’occasione per migliorare alcuni processi e per creare una FotografiaProfessionale più bella ed efficace.

Siamo felici perché il gatto Lucio (il gatto di Simone Conti) si è adattato perfettamente alla sua nuova vita americana.

Siamo felici perché siamo un po’ più internazionali e fare i collegamenti da continente a continente via Skype durante i workshop è divertente 🙂

Il 2016 e il trasferimento di Simone negli USA mi ha insegnato che nulla è scontato e nulla è conquistato per sempre, devi sempre essere disposto a rimetterti in gioco.

Ma una grossa difficoltà può diventare una bellissima sfida e vincerla può renderti il doppio più forte.

 

8.

Come dicevo anche sopra, il 2016 mi ha insegnato che puoi anche improvvisamente perdere cose a cui tieni immensamente e a cui non credevi di dover rinunciare.

Mi ha insegnato che non esistono pilastri inamovibili e che devi essere pronto a “far senza” anche di ciò che ti aiutava a sorridere ogni mattina.

Non voglio diventare improvvisamente serio, perché questa è una cronaca un po’ “cazzeggiante” ma a volte ci sono lezioni che non vorresti dover prendere e che invece arrivano 😉

Il 2016 mi ha insegnato che a volte devi fermarti a respirare e a riposare. Non succede nulla.

A volte devi anche prenderti una pausa e dedicarti a ciò che conta oltre il lavoro e i progetti.

 

9.

Nel 2016 abbiamo avuto un’edizione per noi davvero speciale di Fotografia Europea!

Speciale perché abbiamo battuto ogni record di iscritti e di presenze effettive ai nostri seminari di Fotografia e Post. Non per fare i fenomeni, ma i fatti sono fatti: ogni anno facciamo più presenze noi che tutti gli altri seminari e corsi (gratuiti e a pagamento) di tutta la manifestazione messi insieme.

Quindi, circa 500 iscritti in totale con aule piene e sedute creative per riuscire a farci stare davvero tutti 😉

 

Fotografia Europea: aule strapiene e trofei vinti
Fotografia Europea: aule strapiene e trofei vinti

 

Qualcuno mi ha chiesto: “Ma come fate ad aggregare così tante persone?

La risposta è nella prima e nella seconda foto: siamo bravi nel nostro lavoro, credibili e concreti. Di solito “diamo” oltre le aspettative. E (seconda foto) non ci prendiamo troppo sul serio 🙂

Quest’anno io e Simone Conti ci siamo lanciati una sfida: “Chi fa più iscritti ai seminari di FotografiaEuropea vince un trofeo!” E il trofeo sarebbe stato svelato e consegnato proprio durante i seminari.

Ho vinto io! Ed eccomi, nella foto dell’amico Riccardo Balliano (Balena diplomata) con il mio fantastico trofeo: un salame di ottima qualità che ho poi affettato a fine seminario e diviso con alcuni dei partecipanti.

Il 2016 e FotografiaEuropea mi hanno insegnato che non devi essere per forza serioso per essere preso sul serio.

 

Ma non finisce qui, ho imparato anche un’altra cosa, non tanto nel 2016, ma in questi anni.

“Chi sa fare fa, chi non sa fare insegna” è una delle più grosse stronzate sentite in giro. Di solito chi lo dice è uno che sa fare poco o è frustrato per i risultati.

È vero che i workshop e i corsi si sono moltiplicati negli ultimi anni, ma quelli davvero bravi e che hanno successo in questo lavoro si contano sulle dita di una mano.

Per insegnare devi saper fare e saper insegnare, che non vuol dire saper dire come fare, ma saper FAR CAPIRE COME FARE e COME RIPETERE con successo.

 

10.

Il 2016 è stato anche un anno in cui abbiamo ottenuto numeri davvero straordinari: l’ottavo anno di crescita costante consecutivo, 154.000 amici su Facebook, conquistati uno ad uno con pazienza e grazie a contenuti di qualità, tantissimi allievi in Accademia di Post e ai workshop.

È stato anche l’anno durante il quale la strategia di comunicazione di alcuni nostri colleghi sembra essersi focalizzata sul “parlar male” degli altri o “mettersi in competizione” proprio con FotografiaProfessionale.

Da quel tipo che da dei “ritardati” a quelli che non comprano il suo corso a quello che “li sta facendo infuriare”… Lasciamo perdere 🙂

 

 

A parte i pochi che dimostrano poco stile e poche idee (e che un po’ fanno ridere), ci sono però tantissimi colleghi che lavorano davvero bene e contribuiscono a migliorare la qualità dei fotografi e di ritoccatori italiani.

A loro va il mio ringraziamento, la mia stima e il mio rispetto.

Il fatto che questi colleghi esistano è un vantaggio per tutti, perché contribuiscono ad alzare la media e permettono a tutti noi di fare cose più difficili, più belle e più divertenti!

Quindi credo che l’insegnamento che mi ha dato questo 2016, e che mi hanno dato i miei colleghi valga anche per i fotografi e sia triplice.

Primo:

Parlar male dei tuoi colleghi (se ci tieni chiamali “concorrenti”) non ti farà vendere nemmeno un corso, una fotografia o un servizio in più.

 

Secondo:

Se vuoi rispetto dai rispetto, se vuoi essere credibile e avere successo dai qualità, professionalità, BENEFICI REALI E CONCRETI ai tuoi clienti.

 

E infine:

I lupi non perdono il sonno per il belare delle pecore.

Lascia che i pecoroni parlano e tu occupati dei risultati 😉

 

Infine:

Il 2016 mi ha insegnato che ci sono persone fantastiche in giro.

Un gruppo lo vedete qui sotto e sono quei fighi dell’Accademia III 😉

 

Balene del III corso in attesa dell'esito dell'Esame
Balene del III corso in attesa dell’esito dell’Esame

 

Mentre continuo a vedere un sacco di astio e nervosismo nel mondo della Fotografia e della Post e anche in generale.

Gente che si “scanna” sui social, neanche fosse vita vera.

Fotografi che si parlano dietro, piccole lotte di quartiere fra frustrati.

Chi incolpa l’altro, chi accusa quello, chi sfotte, chi dà di matto.

E i “photographers” e “le modelle” e gli artisti… che palle!

Il 2016 mi ha insegnato che è fantastico frequentare persone vere, lavorare con persone vere, che ho scelto, che apprezzo e a cui voglio bene.

 

Nel 2016 ho incontrato tantissimi di voi e ho scoperto che il mondo della Fotografia e della Post è pieno di persone davvero interessanti, simpatiche, appassionate e di talento.

Ecco, visto che in questi giorni tutti facciamo buoni propositi per il 2017, proviamo con uno:

Nel 2017 proviamo a passare meno tempo a fare la guerra dei photographers su Facebook e meno tempo a parlar male degli altri.

E proviamo a investire quel tempo a costruire un network di collaborazioni con persone vere e con colleghi di talento.

Alla fine può darsi che ci ritroviamo anche più ricchi, sicuramente più sorridenti 😉

 

Buon anno e buon divertimento.

A presto

 

Simone Poletti

FASHION PHOTOGRAPHY CON FULVIO MAIANI

30/03/2017
Simone Poletti
[  ]

Fashion Photography con Fulvio Maiani

Diventa un fotografo professionista della fashion photography
iniziando nel modo migliore: sul set con Fulvio Maiani!

Entrare da professionista nel mondo della Fashion Photography è l’obiettivo di tanti…

Perché è un ambiente affascinante, di grandi marche e bellissimi vestiti, ma anche e soprattutto perché è uno dei settori nei quali i budget dei clienti sono ancora buoni. Inoltre, con il giusto percorso, tanti fotografi italiani hanno avuto accesso anche ad una carriera internazionale.

Ma riuscirci è sempre più difficile!

Avere accesso ai set più importanti è quasi impossibile per una persona ``normale``

 

I fotografi più bravi e conosciuti sembrano irraggiungibili

 

Le grandi marche, i clienti con i budget migliori, le riviste più prestigiose, si rivolgono solo ad una ristretta élite di fotografi

 

Nessun ambiente fotografico appare così distante e ``chiuso``

Quindi che fai, rinunci?

 

Io credo che sia normale che un mondo particolarmente appetibile e dai budget interessanti sia anche difficile da raggiungere.

Ma se ti dicessi che puoi entrare in un set moda e scoprire tutti i segreti di un grande fotografo solo con un click?

PUOI PARTECIPARE AD UN SERVIZIO DI MODA CON UN GRANDE FOTOGRAFO ITALIANO: FULVIO MAIANI!
SCOPRIRE LA SUA VISIONE E I SUOI SEGRETI, IL SUO APPROCCIO ALLA FOTOGRAFIA E I SUOI TRUCCHI.
IMPARARE IL SUO MODO DI TRATTARE LA LUCE E DI GESTIRE IL SET, LO STAFF E I MODELLI E RICEVERE I SUOI CONSIGLI PER DIVENTARE UN FOTOGRAFO DI MODA

 

Dal desktop di Simone Poletti

29/03/2017

Da quando ho iniziato, quasi 27 anni fa, ho sempre lavorato in agenzie di comunicazione e pubblicità.

La moda è sempre stata un obiettivo da raggiungere: bei vestiti, grandi marche, budget importanti, modelle bellissime, riviste patinate e cataloghi curatissimi… Il sogno di ogni ritoccatore e di ogni fotografo!

Ho scoperto che entrare in quell’ambiente professionale è difficile (lo è sempre stato) perché più “sali” e più la fotografia e la pubblicità diventano elitarie e riservate ad una cerchia ristretta.

Quindi riuscire è stato una grande sfida e un grande traguardo raggiunto.

Questo, mi ha permesso sia di conoscere un mondo dagli standard qualitativi altissimi, e quindi di alzare i miei, sia di incontrare professionisti di grande talento.

Pollo Accademico

In questi anni ho incontrato centinaia, forse migliaia di fotografi.

Tanti di loro mi hanno chiesto: “Come faccio a diventare un fotografo di moda?”

 

Le risposte sono due:

  1. Devi impegnarti davvero tantissimo, ogni singolo giorno, e alzare i tuoi standard qualitativi. Studiare la moda e la Fotografia Fashion, migliorare costantemente.
  2. Devi trovare qualcuno che ti dia accesso a quel mondo, non subito da protagonista, ma per imparare: per permetterti di capire come funziona e quali sono gli standard che ti saranno richiesti.

OGGI VOGLIO darti LA POSSIBILITà di entrare nel mondo della Fashion Photography con la guida di un grande fotografo!

Fulvio Maiani

Fulvio si occupa di fotografia di moda da circa 25 anni e i suoi lavori sono stati pubblicati da L’UOMO VOGUE, FORBES, ELLE, VOGUE GIOIELLI, VOGUE SPOSA, GQ, COLORS, ZINK, SPORTSWEAR INTERNATIONAL, FLAIR, ARENA, GRAZIA, SCHÖN, TIRADE.

Ha lavorato per clienti com D&G, L’ORÉAL, ROBERTO CAVALLI, DIESEL, BENETTON, HONDA, LUXOTTICA, LUFTHANSA, NIKE, CITYBANK, SERGIO TACCHINI, WELLA, FIAT, POLLINI e NIVEA.

In questi anni ha ritratto VALENTINO ROSSI, DANNI MINOGUE, SOPHIE ELLIS BEXTOR, FRANCESCA NERI, RAICA OLIVEIRA, SERENA AUTIERI, RÓISÍN MURPHY, LAPO ELKANN, BEN STILLER, AFROJACK, PENELOPE CRUZ, BENEDICT CUMBERBACH, STEFANIA ROCCA, CAROLINA CRESCENTINI…

Quando non è dietro ad una macchina fotografica, a Fulvio piace correre su biciclette da sterrato e accompagnare sua figlia ai concerti rock.

564088_324101161021841_736573724_n
 
 
 
 
 

Ho conosciuto Fulvio qualche anno fa, sul set di una campagna pubblicitaria per un mio cliente, ma già da anni i miei collaboratori mi parlavano di quanto fosse bravo e le sue fotografie, pubblicate sulle più importanti riviste internazionali, lo dimostravano.

Quando ho potuto incontrarlo dal vivo, ho scoperto una persona divertente e piacevolissima, un professionista con una visione della fotografia e della moda molto personale e con una grande capacità di trasformare le idee in immagini eleganti e fantastiche!

Per questo gli ho proposto di realizzare insieme questo video-corso.

Siamo andati sul set di un editoriale di Fulvio Maiani e abbiamo ripreso tutta la giornata, con diverse telecamere. Poi lo abbiamo intervistato, sia sul set che qualche giorno dopo, per carpire tutti i suoi segreti e tutte le sfumature della sua visione personale.

Gli abbiamo chiesto di guidarti nella realizzazione di un servizio di Fashion Photography e di darti i suoi consigli per entrare in questo mondo.

Tutto questo oggi è diventato un video-corso di cui vado particolarmente orgoglioso!

 

Circa 2 ore e mezza di video-corso

 

Sul set di un servizio di moda con Fulvio Maiani e il suo staff

 

Con interviste esclusive e i consigli di un grande professionista

Ho voluto portarti direttamente sul set e insieme a Fulvio abbiamo analizzato tutti gli aspetti di uno shooting moda: dall’idea creativa alla selezione dello staff, dai rapporti con il cliente alla gestione della giornata e dei tempi di scatto, dall’uso della luce ai piccoli e grandi imprevisti che devi saper affrontare.

Fulvio Maiani ti accompagnerà passo passo, spiegandoti come interagire con i modelli, come ottenere il meglio dal tuo staff, come affrontare la Fotografia Fashion da professionista.

Il primo passo per diventare un professionista è capire come un professionista lavora!

 

E non assisterai ad uno servizio qualsiasi: sarai sul set dell’editoriale Bike Girls che Fulvio Maiani ha realizzato per Schön! Magazine.

Si tratta di un editoriale particolare, creato con immagini in movimento e brevi loop realizzati non con la classica fotocamera, ma con una video-camera ad altissima risoluzione.

Ecco alcuni “scatti” da quella giornata:

Scoprirai il mondo di un professionista

Vivrai un vero set dall'interno

Imparerai gli aspetti più importanti di un servizio fotografico

Scoprirai i trucchi del mestiere di un fotografo di successo

Fulvio ti svelerà il modo in cui realizza le luci dei suoi set

Avrai una visione unica su un mondo difficilmente accessibile

Non solo!

A te che acquisterai questo video-corso ho deciso di regalare il mio nuovissimo eBook tutto dedicato all’organizzazione di un servizio fotografico professionale.

Si tratta di un libro di oltre 110 pagine con consigli, interviste esclusive a professioniste del settore e tutte le indicazioni per organizzare lo shooting perfetto.

Inoltre riceverai anche i file Excel creati da una vera Production Manager per organizzare il tuo staff, gestire i tempi del set e calcolare il budget della tua produzione con costi, ricavi e ogni singola voce che conta!

L’accoppiata video-corso più eBook è la scelta ideale per te che vuoi diventare un professionista nel campo della fotografia di moda, ma anche per chi professionista lo è già e vuole scoprire un nuovo punto di vista, per accedere ad un nuovo livello nel proprio campo.

Questo video-corso non eliminerà la necessità del punto 1) …

Dovrai sempre “Impegnarti tantissimo, ogni singolo giorno, e alzare i tuoi standard qualitativi. Studiare la moda e la Fotografia Fashion e migliorare costantemente!”

Ma lo farai con nuove consapevolezze, con la strada ben chiara davanti e con i consigli di un professionista a guidarti.

 

Potrai finalmente accedere a quel mondo che credevi irraggiugibile.
Potrai iniziare il tuo percorso verso la professione di fotografo fashion con tutti gli strumenti giusti.

A questo punto dovresti avere tantissimi buoni motivi per acquistare subito questo corso.

Ma c’è qualcuno che, a volte, non si fida…
C’è qualcuno che chiede:
“Ma chi me lo garantisce?”
“Chi sarebbero questi di FotorafiaProfessionale?”
“Non è che poi spariscono con i miei soldi?”

FOTOGRAFIAPROFESSIONALE È LA PRIMA REALTÀ ITALIANA
NELLA FORMAZIONE SU TECNICA FOTOGRAFICA E POSTPRODUZIONE,
CON OLTRE 161.000 UTENTI
57.000 ISCRITTI AL SITO
E OLTRE 215.000 CORSI EROGATI!

Ora sai davvero tutto (o quasi) quel che c’è da sapere e hai tutte le informazioni necessarie per decidere.

Anzi, te ne manca una…
Quanto costa?

Anche tu ci hai pensato, vero?
Secondo te, quanto può valere un corso così?

Se hai fatto i conti di quanti benefici potrai trarne e di quanto tempo è servito per crearlo, un’idea te la sarai fatta, ma facciamo i conti insieme!

Quanto vale la possibilità di accedere al set di un servizio di moda professionale?
Quanto vale la possibilità di entrare nel “dietro le quinte” di un editoriale per Schön! Magazine?
Quanto vale la guida di un grande fotografo come Fulvio Maiani?
Quanto valgono tutti i suoi consigli e le sue indicazioni per intraprendere la tua carriera?
Quanto vale la qualità dei risultati che otterrai?

Un corso del genere, dal vivo, dura due giorni e costa almeno 500,00 euro.
Non esistono altri video-corsi così ma, se ci fossero, non costerebbero meno di 150,00 euro.
Inoltre, insieme al corso troverai anche il mio eBook sull’organizzazione dello shooting e i file Excel per gestire tutto!

È plausibile quindi dire che questo video-corso vale ALMENO 600,00 euro?
Bene, noi abbiamo fissato il prezzo di listino di questo corso a 167,00 euro!
Non male, vero?
Già… ma oggi, e per tutto il periodo di lancio potrai avere questo corso ad un prezzo ANCORA PIÙ BASSO!

IN OFFERTA IN FORMATO DOWNLOAD

Video-corso IN ITALIANO con interviste in Italiano

10 lezioni e oltre 2 ORE e mezza sul set con Fulvio Maiani

tutti i consigli e i segreti di un professionista di successo

eBook - Come Organizzare uno Shooting 2.0 - in regalo

IN OFFERTA IN FORMATO DOWNLOAD

PER UN VALORE TOTALE DI ALMENO 600,00 EURO!!!

a soli 167,00 euro + IVA
a soli 97,00 euro + IVA *

(* solo per un periodo limitato di tempo )

Cosa aspetti?

SE ACQUISTI IL VIDEOCORSO IN VERSIONE DOWNLOAD

1. RICEVERAI I LINK PER SCARICARLO ENTRO 24 ORE DALLA RICEZIONE DEL PAGAMENTO (CONTROLLA ANCHE LA CASELLA DELLO SPAM)
2. POTRAI SCARICARE I FILE SUL TUO COMPUTER E VEDERLI TUTTE LE VOLTE CHE VUOI, PER TUTTO IL TEMPO CHE VUOI
3. POTRAI TRASFERIRE I FILE E VEDERLI ANCHE DAL TUO TABLET, DAL TUO SMARTPHONE O SUL TUO PORTATILE

Se poi ti piace avere i tuoi acquisti a portata di mano, se preferisci avere il corso fisicamente sulla tua scrivania, puoi scegliere il formato DVD, consegnato direttamente a casa tua con corriere espresso!!!

IN OFFERTA IN FORMATO DVD

Video-corso IN ITALIANO con interviste in Italiano, su DVD spedito a casa tua

10 lezioni e oltre 2 ORE e mezza sul set con Fulvio Maiani

tutti i consigli e i segreti di un professionista di successo

eBook - Come organizzare uno Shooting 2.0 - in regalo

IN OFFERTA IN FORMATO DVD

PER UN VALORE TOTALE DI ALMENO 600,00 EURO!!!

a soli 197,00 euro + IVA
a soli 127,00 euro + IVA *

(* solo per un periodo limitato di tempo )

Cosa aspetti?

SE ACQUISTI IL VIDEOCORSO IN VERSIONE DVD:

1. RICEVERAI IL DVD TRAMITE CORRIERE ESPRESSO. LA SPEDIZIONE AVVERRÀ DOPO LA RICEZIONE DEL PAGAMENTO
2. POTRAI SCARICARE I FILE SUL TUO COMPUTER E VEDERLI TUTTE LE VOLTE CHE VUOI, PER TUTTO IL TEMPO CHE VUOI
3. POTRAI TRASFERIRE I FILE E VEDERLI ANCHE DAL TUO TABLET, DAL TUO SMARTPHONE O SUL TUO PORTATILE

Che ne dici?
Fantastico vero?
Un corso così, ad un prezzo del genere, è un’ottima opportunità per entrare nel mondo della Fashion Photography professionale insieme ad una grande guida!

Non basta?
Hai ancora dei dubbi?
Beh, pensa che non è tutto, ma per te c’è un’ulteriore garanzia:

Ricorda infatti che se questo corso non ti dovesse soddisfare completamente, potrai richiedere il rimborso della somma completa.

Sì, hai capito bene…

GARANZIA 100%
SODDISFATTI O RIMBORSATI

Se il corso non ti piace riavrai tutti i tuoi soldi!

Ti basterà richiedere il rimborso via email e, se hai acquistato la versione in DVD, rispedirmi il package completo entro 10gg da quando l’hai ricevuto.

Bene,
sono sicuro che tu non possa avere niente di simile a questo prezzo, quindi ora aspetto solo i tuoi commenti a questo corso, da aggiungere agli altri di tutti gli utenti soddisfatti e felici.

Buon divertimento e buon lavoro con Fulvio Maiani e il suo staff ;)

PS:
Questo corso sarà fantastico per un appassionato che vuole avvicinarsi alla Fashion Photography, ma incredibilmente utile anche ad un professionista, per migliorare ed alzare il proprio livello.

PPS:
Questo Video-corso è solo la prima parte di un corso che si concluderà con la PostProduzione per la Fashion Photography

PPPS:
Abbiamo realizzato decine di video-corsi, in questo troverai tutta la nostra esperienza e il nostro metodo didattico!

PPPPS:
Fulvio Maiani non è solo un grande fotografo di moda: insegna Storia della Fotografia allo IED e ha già realizzato un workshop fantastico per l’Accademia di Post di FotografiaProfessionale.it

PPPPS:
Sono circa 57.000 gli utenti soddisfatti che hanno scaricato e visto i miei video-corsi e oltre 161.000 quelli che seguono l’attività di FotografiaProfessionale.it, e ogni giorno aumentano gli utenti dei corsi e del blog.

 

 FotografiaProfessionale.it è una divisione di WHYnot? snc – P.IVA 01867760355

Perché acquistarlo?

DIVENTARE FOTOGRAFO DI MODA ATTRAVERSO LE INDICAZIONI E L'ESPERIENZA DI UN GRANDE PROFESSIONISTA

Perché dovresti acquistare questo Videocorso?

Se vuoi diventare un fotografo di moda professionista, non puoi prescindere dagli insegnamenti e dai consigli di un maestro, di un mentore.

Ho conosciuto Fulvio qualche anno fa, sul set di una campagna pubblicitaria per un mio cliente, ma già da anni i miei collaboratori mi parlavano di quanto fosse bravo e le sue fotografie, pubblicate sulle più importanti riviste internazionali, lo dimostravano.

Quando ho potuto incontrarlo dal vivo, ho scoperto una persona divertente e piacevolissima, un professionista con una visione della fotografia e della moda molto personale e con una grande capacità di trasformare le idee in immagini eleganti e fantastiche!

Per questo gli ho proposto di realizzare insieme questo video-corso.

Siamo andati sul set di un editoriale di Fulvio Maiani e abbiamo ripreso tutta la giornata, con diverse telecamere. Poi lo abbiamo intervistato, sia sul set che qualche giorno dopo, per carpire tutti i suoi segreti e tutte le sfumature della sua visione personale.

Gli abbiamo chiesto di guidarti nella realizzazione di un servizio di Fashion Photography e di darti i suoi consigli per entrare in questo mondo.

Tutto questo oggi è diventato un video-corso di cui vado particolarmente orgoglioso!

Ecco i benefici che avrai da questo Videocorso

  • Scoprirai tutti i segreti di un set di moda professionale
  • entrerai nel backstage di un editoriale per la rivista Schön! Magazine
  • conoscerai Fulvio Maiani, un fotografo italiano di moda che ha lavorato per le più importanti marche di moda, pubblicato sulle riviste più prestigiose e ritratto personaggi come Valentino rossi, Penelope Cruz e Ben Stiller
  • Fulvio ti svelerà i segreti del suo approccio alla fotografia
  • scoprirai tutti i dettagli dell'organizzazione di uno shooting professionale
  • imparerai a gestire un set di moda
  • sarai in grado di gestire staff, cliente e modelli ottenendo il massimo
  • scoprirai in 2 ore e mezza tantissime cose importantissime del mondo della fotografia di moda
Video-corso "Fashion Photography con Fulvio Maiani" di FotografiaProfessionale.it

VERSIONE DVD

a soli 197,00 € + IVA
a soli 127,00 € + IVA *

(* solo per un periodo limitato di tempo )

VERSIONE DOWNLOAD

a soli 167,00 € + IVA
a soli 97,00 € + IVA *

(* solo per un periodo limitato di tempo )

Il trainer

SIMONE POLETTI, IL RITOCCATORE SENZA FILTRO

Simone

Emiliano di nascita e di formazione, con tutto ciò che ne consegue, Simone Poletti lavora da oltre 20 anni nel campo della comunicazione e dell’editing digitale.
Oggi è Direttore Creativo dell’agenzia di comunicazione Be&Partners, co-fondatore e Trainer di FotografiaProfessionale, illustratore digitale e artista materico-digitale con il progetto Dinamo.

Negli ultimi anni ha creato e sviluppato una serie incredibile di tecniche e metodi per la post-produzione, il fotoritocco e lo sviluppo dei negativi digitali, con applicazioni nei campi più svariati, dalla foto fashion al ritratto, dal matte-painting all’illustrazione digitale. Il lavoro di ricerca e sviluppo nel campo della post-produzione lo ha portato, attraverso FotografiaProfessionale, alla creazione di una serie di video-corsi su Photoshop e Lightroom dalle nozioni di base fino alle tecniche avanzate per l’uso professionale.

Ai video corsi si aggiungono workshop live di grande successo, sviluppati con la logica del “complete workflow”, portando gli allievi dall’ideazione dello scatto fino al lavoro finito, postprodotto e corretto, pronto per la pubblicazione.
Attraverso i corsi, i workshop ed una costante attività di tutoring online e offline, ha contribuito alla formazione di oltre 30000 fra fotografi professionisti, appassionati e ritoccatori.
Nei suoi corsi porta avanti ormai da anni una personale filosofia di utilizzo dei software per il ritocco, da Photoshop a Lightroom, che prevede la personalizzazione delle tecniche e l’applicazione costante, andando oltre l’uso “standard”. Un modo di lavorare che va al di là dei soliti filtri e dei metodi preconfezionati e uguali per tutti, una filosofia che prevede la ricerca di un reale valore aggiunto nelle tecniche utilizzate, in modo da rendere ogni fotografo e ritoccatore padrone di un metodo personale, unico e riconoscibile. La sezione “filtri” nel menù della sua copia di Photoshop si apre solo in casi estremi, e di solito per farne un uso alternativo e un po’ “sovversivo”.
La sua frase preferita è “Con Photoshop puoi fare quasi tutto quello che vuoi, tranne forse girare una modella fotografata di schiena…ma anche quello è solo una questione di tempo, e applicazione.”

Per lo sviluppo dei suoi progetti artistici personali utilizza principalmente Illustrator e Photoshop, realizzando poi la trasposizione materica dell’elaborato digitale. Ad oggi ha esposto in diverse occasioni, fra personali e collettive, in Italia e all’estero e collabora come cover-artist per diverse band dell’universo indipendente italiano.

Video-corso "Fashion Photography con Fulvio Maiani" di FotografiaProfessionale.it

VERSIONE DVD

a soli 197,00 € + IVA
a soli 127,00 € + IVA *

(* solo per un periodo limitato di tempo )

VERSIONE DOWNLOAD

a soli 167,00 € + IVA
a soli 97,00 € + IVA *

(* solo per un periodo limitato di tempo )

Chi siamo

FOTOGRAFIAPROFESSIONALE
OGGI È UN PUNTO DI RIFERIMENTO
ITALIANO PER I PROFESSIONISTI E
GLI AMANTI DELLA FOTOGRAFIA
E DELLA POST-PRODUZIONE.

FotografiaProfessionale è un progetto nato dall’esperienza di Be srl, agenzia di strategia e comunicazione integrata, fondata a Reggio Emilia nel 2000.

La passione personale per la fotografia dei suoi soci fondatori e l’esperienza quotidiana maturata nelle produzioni fotografiche e la post-produzione, sono state il carburante fondamentale che ha alimentato Fotografia Professionale, sin dalla sua fondazione nel 2009.

Vogliamo diffondere la cultura della fotografia, della tecnica fotografica, delle attrezzature e di tutte le tecniche di post-produzione.

Vogliamo contribuire ad aumentare le conoscenze e le capacità di tutti i professionisti e gli amanti della fotografia, per migliorare il risultato di tutte le loro immagini.
Vogliamo essere fonte d’ispirazione e strumento per chiunque voglia migliorare le proprie capacità fotografiche e di post-produzione.
Vogliamo creare e diffondere una cultura della post-produzione, come strumento per esprimere la creatività del fotografo e enfatizzare le caratteristiche positive dell’immagine.

Vogliamo diventare il punto di riferimento italiano per l’insegnamento di conoscenze e capacità sulla fotografia e sulla post-produzione.

Vogliamo creare un centro di eccellenza che aggreghi i migliori professionisti del settore, le migliori tecnologie e i migliori strumenti, per insegnare a chi ha fatto della fotografia la propria passione, come migliorare i propri risultati personali e professionali.

Video-corso "Fashion Photography con Fulvio Maiani" di FotografiaProfessionale.it

VERSIONE DVD

a soli 197,00 € + IVA
a soli 127,00 € + IVA *

(* solo per un periodo limitato di tempo )

VERSIONE DOWNLOAD

a soli 167,00 € + IVA
a soli 97,00 € + IVA *

(* solo per un periodo limitato di tempo )

Recensioni
Profoto D2 500 AirTTL – Più veloce della luce!

PROFOTO D2 500 AIRTTL TEST

01/12/2016
Simone Conti
1 commento ]

Profoto D2 500 AirTTL – Più veloce della luce!

Cosa c’è di così innovativo e interessante nel nuovo flash monotorcia Profoto D2? Questi sono i risultati dei miei test in studio.

 

La novità più eclatante è sicuramente la velocità del lampo flash, che proprio al Photokina 2016 ha scatenato nel mondo dei fabbricanti di flash la gara “a chi ce l’ha più corto” (in genere è sempre il contrario!). Per il resto nulla pare cambiato rispetto al vecchio Profoto D1: sempre di monotorcia si parla, ma… ci sono altri fattori, al di là della velocità, che fanno la differenza!

 

Quali? In breve:

  1. Silenziosità
  2. Future Proof
  3. Fermezza
  4. Miglior Esperienza Utente
  5. TTL & HSS
  6. Velocità del lampo

Leggile nel dettaglio di seguito!

 

Profoto D2 Demo Unit finalmente sulla mia scrivania!
Profoto D2 Demo Unit finalmente sulla mia scrivania!

LEGGI TUTTO >>

Recensioni
Dal Tramonto all’Alba – IRIX & NiSi

IRIX & NISI – DAL TRAMONTO ALL’ALBA

29/10/2016
Simone Conti
2 commenti ]

Dal Tramonto all’Alba – IRIX & NiSi

Quella che leggerai non è la classica recensione tecnica del nuovo IRIX 15mm f/2.4, ma qualcosa di diverso.

Nonostante il titolo ricordi molto da vicino una pellicola di Tarantino e ormai siamo arrivati al weekend di Halloween, questa è una storia diversa. È una storia che parla di lenti, di filtri e delle persone che ci stanno dietro, oltre a raccontare come può essere difficile riuscire a fare una review quando il tempo e il meteo non ti aiutano.

 

Quello che troverai è diverso da una recensione tecnica, ma ti farai comunque un’idea abbastanza precisa a riguardo 😉

La settimana scorsa sono stato a New York per alcuni giorni.
Non tornavo a New York dal 2008 e, devo riconoscerlo, un po’ mi mancava.
Il PhotoPlus Expo è stata un’ottima scusa per tornare, godermi le strade di Manhattan, fare nuove fantastiche conoscenze e amicizie… oltre a essere immerso nel mondo e nel mercato della fotografia per quasi quattro giorni consecutivi.
Purtroppo quest’anno mi sono perso il Photokina… mi sono dovuto accontentare di New York e del PhotoPlus Expo!

LEGGI TUTTO >>

News ed Eventi
Anarchy in the WPP: il World Press Photo senza regole

ANARCHY IN THE WPP: IL WORLD PRESS PHOTO SENZA REGOLE (FOTO: EVERETT COLLECTION)

27/10/2016
Gloria Soverini

Anarchy in the WPP: il World Press Photo senza regole

Il World Press Photo ha annunciato la nascita di un concorso nel quale sarà possibile partecipare senza doversi preoccupare troppo delle regole

 

Ebbene sì: dopo che negli ultimi anni il WPP ha dovuto gestire la squalifica di numerose foto perché non rispettavano gli standard del concorso, dopo le critiche per la vittoria delle foto staged, dopo che ad ogni edizione nasce una guerra in merito all’uso della post… gli organizzatori hanno pensato ad una soluzione: ci sarà un concorso a sé la cui partecipazione non prevede regole.

 

L’annuncio è stato fatto ieri da Lars Boering, Direttore Esecutivo della Fondazione World Press Photo, nel comunicato relativo alle attività previste nel 2017; al punto #8 del programma si legge che

In October 2017 there will be a new contest for creative documentary photography. […] This contest will be for professional visual storytellers who, in wanting to communicate about actual people, events or issues, deploy creative techniques in constructing, processing and presenting images. This contest will not have rules limiting how images are produced, and will not have categories.

Ad ottobre 2017 ci sarà un nuovo concorso dedicato alla fotografia documentaria creativa. Potranno accedervi i visual-storyteller professionisti che, volendo trattare di personaggi, eventi o problematiche attuali, lo fanno attraverso l’uso di tecniche creative nella costruzione, nell’elaborazione e nella presentazione delle immagini. Questo concorso non avrà norme che limitano come le immagini vengono prodotte, e non avrà categorie]

 

A differenza di quanto avviene con il concorso tradizionale per fotogiornalisti, che l’hanno scorso ha visto la squalifica del 20% dei finalisti e la successiva implementazione di un Codice Etico, il nuovo concorso non sarà vincolato dalla più classica etica del fotogiornalismo.

I fotografi potranno partecipare presentando una foto singola o con una serie di immagini relative ad una storia; i giudici esamineranno le foto e assegneranno i premi per la migliore documentazione sociale, personale, per la presentazione più innovativa e altro ancora.

 

Questa ultima mossa del World Press Photo è la risposta al dibattito in corso riguardo agli standard in materia di fotografia e fotogiornalismo nell’era della fotografia digitale.

L’Australian Professional Photography Awards (APPA) è stato recentemente al centro di questo dibattito dopo che il fotografo di rilievo Ken Duncan ha richiamato l’attenzione sul fatto che Lisa Saad, la vincitrice del concorso di quest’anno, abbia presentato un set di illustrazioni fotografiche.

Se questo nuovo concorso del World Press Photo senza regole guadagnerà rilievo nel settore, forse altri concorsi di prestigio ne seguiranno l’esempio.

Cosa ne pensi?
Scrivilo in un commento!

Gloria

I WANNA BE WPP!

(articolo liberamente tradotto da PetaPixel)

CORSO INTRODUTTIVO A LIGHTROOM 4

22/06/2016
Gloria Soverini
[  ]

Corso introduttivo a Lightroom 4

VIENI A SCOPRIRE LIGHTROOM 4
LA CAMERA OSCURA PER IL NEGATIVO DIGITALE

Dettagli sul Videocorso

Imparerai a conoscere Lightroom 4 e ad orientarti fra le diverse aree e le funzionalità del software. Scoprirari come un approccio corretto e professionale allo sviluppo del RAW può aiutarti nell’ottenere immagini di grande qualità.

Grazie al Videocorso di Simone Poletti,
co-fondatore e trainer di FotografiaProfessionale.it

VIENI A SCOPRIRE LIGHTROOM 4
LA CAMERA OSCURA PER IL NEGATIVO DIGITALE

Ecco cosa troverai in questo corso:

  • Un corso semplice ed utilissimo di oltre 30 minuti che ti introdurrà nel mondo dello sviluppo digitale.
  • Imparerai a muoverti con dimestichezza e facilità nell'interfaccia di Lightroom 4, spostandoti fra sezioni differenti e pannelli di lavoro.
  • Porrai le basi per una conoscenza realmente approfondita del software e per l'uso professionale nello sviluppo digitale.
  • Sarà il primo passo verso la totale autonomia operativa
  • Tutto questo COMPLETAMENTE GRATUITO!

TRAINER

Simone Poletti

SIMONE POLETTI, IL RITOCCATORE SENZA FILTRO

Simone

Emiliano di nascita e di formazione, con tutto ciò che ne consegue, Simone Poletti lavora da oltre 20 anni nel campo della comunicazione e dell’editing digitale.
Oggi è Direttore Creativo dell’agenzia di comunicazione Be&Partners, co-fondatore e Trainer di FotografiaProfessionale, illustratore digitale e artista materico-digitale con il progetto Dinamo.

Negli ultimi anni ha creato e sviluppato una serie incredibile di tecniche e metodi per la post-produzione, il fotoritocco e lo sviluppo dei negativi digitali, con applicazioni nei campi più svariati, dalla foto fashion al ritratto, dal matte-painting all’illustrazione digitale. Il lavoro di ricerca e sviluppo nel campo della post-produzione lo ha portato, attraverso FotografiaProfessionale, alla creazione di una serie di video-corsi su Photoshop e Lightroom dalle nozioni di base fino alle tecniche avanzate per l’uso professionale.

Ai video corsi si aggiungono workshop live di grande successo, sviluppati con la logica del “complete workflow”, portando gli allievi dall’ideazione dello scatto fino al lavoro finito, postprodotto e corretto, pronto per la pubblicazione.
Attraverso i corsi, i workshop ed una costante attività di tutoring online e offline, ha contribuito alla formazione di oltre 30000 fra fotografi professionisti, appassionati e ritoccatori.
Nei suoi corsi porta avanti ormai da anni una personale filosofia di utilizzo dei software per il ritocco, da Photoshop a Lightroom, che prevede la personalizzazione delle tecniche e l’applicazione costante, andando oltre l’uso “standard”. Un modo di lavorare che va al di là dei soliti filtri e dei metodi preconfezionati e uguali per tutti, una filosofia che prevede la ricerca di un reale valore aggiunto nelle tecniche utilizzate, in modo da rendere ogni fotografo e ritoccatore padrone di un metodo personale, unico e riconoscibile. La sezione “filtri” nel menù della sua copia di Photoshop si apre solo in casi estremi, e di solito per farne un uso alternativo e un po’ “sovversivo”.
La sua frase preferita è “Con Photoshop puoi fare quasi tutto quello che vuoi, tranne forse girare una modella fotografata di schiena…ma anche quello è solo una questione di tempo, e applicazione.”

Per lo sviluppo dei suoi progetti artistici personali utilizza principalmente Illustrator e Photoshop, realizzando poi la trasposizione materica dell’elaborato digitale. Ad oggi ha esposto in diverse occasioni, fra personali e collettive, in Italia e all’estero e collabora come cover-artist per diverse band dell’universo indipendente italiano.

FOTOGRAFIA PROFESSIONALE: CHI SIAMO

Company

FOTOGRAFIAPROFESSIONALE
OGGI È UN PUNTO DI RIFERIMENTO
ITALIANO PER I PROFESSIONISTI E
GLI AMANTI DELLA FOTOGRAFIA
E DELLA POST-PRODUZIONE.

FotografiaProfessionale è un progetto nato dall’esperienza di Be srl, agenzia di strategia e comunicazione integrata, fondata a Reggio Emilia nel 2000.

La passione personale per la fotografia dei suoi soci fondatori e l’esperienza quotidiana maturata nelle produzioni fotografiche e la post-produzione, sono state il carburante fondamentale che ha alimentato Fotografia Professionale, sin dalla sua fondazione nel 2009.

Vogliamo diffondere la cultura della fotografia, della tecnica fotografica, delle attrezzature e di tutte le tecniche di post-produzione.

Vogliamo contribuire ad aumentare le conoscenze e le capacità di tutti i professionisti e gli amanti della fotografia, per migliorare il risultato di tutte le loro immagini.
Vogliamo essere fonte d’ispirazione e strumento per chiunque voglia migliorare le proprie capacità fotografiche e di post-produzione.
Vogliamo creare e diffondere una cultura della post-produzione, come strumento per esprimere la creatività del fotografo e enfatizzare le caratteristiche positive dell’immagine.

Vogliamo diventare il punto di riferimento italiano per l’insegnamento di conoscenze e capacità sulla fotografia e sulla post-produzione.

Vogliamo creare un centro di eccellenza che aggreghi i migliori professionisti del settore, le migliori tecnologie e i migliori strumenti, per insegnare a chi ha fatto della fotografia la propria passione, come migliorare i propri risultati personali e professionali.

Corso Introduttivo a Lighroom 4
  • DURATA: 35 MIN.
  • SOFTWARE: LIGHTROOM 4 - ITA
Inserisci qui sotto il tuo nome
cognome e il tuo
indirizzo e-mail principale
per scaricare il corso
GRATUITAMENTE!

* È necessario compilare tutti i campi per procedere all'invio del modulo

GRAZIE DI AVERE DIMOSTRATO INTERESSE PER CORSO INTRODUTTIVO A LIGHTROOM 4!

Corso Introduttivo a Lighroom 4

Tutte le istruzioni per effettuare il download sono state inviate all'indirizzo email che ci hai fornito!

Se entro 24 ore non avrai ancora ricevuto l'email contenente le istruzioni di download prova a controllare il tuo filtro antispam.

Se hai un indirizzo Gmail, consulta il punto 2 delle nostre FAQ alla pagina https://www.fotografiaprofessionale.it/faq e segui la procedura indicata per impedire che le nostre comunicazioni finiscano nella tua casella di spam

Per richiedere qualsiasi informazione aggiuntiva sui nostri prodotti non esitare a scrivere all'indirizzo info@fotografiaprofessionale.it

CORSO INTRODUTTIVO A CAPTURE ONE

21/06/2016
Gloria Soverini
[  ]

Corso Introduttivo a Capture ONE

CORSO INTRODUTTIVO A CAPTURE ONE

A COSA SERVE, COME È FATTO E COME FUNZIONA UNO DEI MIGLIORI SOFTWARE PER LO SVILUPPO DEL RAW. SCOPRIREMO INSIEME LE MERAVIGLIE DI CAPTURE ONE: UN PASSO DECISO NEL MONDO PROFESSIONALE PER LO SVILUPPO DEI TUOI FILE RAW

Dettagli sul Videocorso

OGGI OLTRE IL 90% DEI FOTOGRAFI E DEGLI APPASSIONATI SCATTANO IN RAW, MA LO SVILUPPO NON È SOLO CAMERA RAW E LIGHTROOM, ESISTE UN’ALTERNATIVA PROFESSIONALE E DAVERO EFFICACE: CAPTURE ONE 8.

Quando ho iniziato a fare corsi di Photoshop e di Postproduzione, quasi tutti i fotografi non professionisti scattavano in Jpeg. In questi anni, anche grazie al nostro contributo, si è sviluppata una maggiore cultura della post e della tecnica in scatto che ha portato tantissimi fotografi a scegliere il RAW come formato ideale.
Scattare in RAW vuol dire però sviluppare il file RAW in modo ottimale: il vero dominatore del mercato dei software per lo sviluppo è Adobe Lightroom e proprio su Lightroom ho realizzato diversi videocorsi.
Ma esiste, da sempre, un’alternativa che i professionisti considerano (spesso) l’unica scelta praticabile: Capture One.
Capture One è lo sviluppatore RAW realizzato da Phase One, azienda produttrice di macchine e dorsi digitali di grande qualità. Capture One è sempre stata la prima scelta dei professionisti, anche perché garantisce un modulo di tethering (acquisizione diretta con controllo da computer) davvero evoluto ed eccellente.
Non solo: Capture One ha un motore di sviluppo addirittura superiore a quello già molto buono di Lightroom per garanzia di risultati qualitativi e alcune funzionalità che io ritengo davvero eccezionali!
È molto meno diffuso di Lightroom e sicuramente meno pubblicizzato presso il grande pubblico, ma credo che il nostro compito (come FotografiaProfessionale) sia anche quello di aiutarti a scegliere gli strumenti migliori e più efficaci per raggiungere i tuoi obiettivi. Bene, io credo che Capture One sia, oggi, il miglior software di sviluppo in commercio e credo che sia giunto il momento di fare un ulteriore salto qualitativo ed entrare nel mondo dei “grandi” 😉

Ecco quindi il mio videocorso di Introduzione e Capture One: ti aiuterà a capire con “chi” hai a che fare e quali sono le grandi potenzialità di questo software. Così potrai scegliere se aggiungere Capture alla tua “cartuccera” o rimanere sulle (comode) sponde di Lightroom.

SCOPRI LE POTENZIALITÀ DI UNO STRUMENTO PROFESSIONALE PER LO SVILUPPO DEL RAW E LO SCATTO IN STUDIO

UN VIDEOCORSO COMPLETAMENTE GRATUITO, CHE PUOI SCARICARE SUBITO E RIVEDERE QUANDO VUOI

Perché scaricarlo?

In oltre 40 minuti di videocorso completamente gratuito ti svelerò tutti gli aspetti di un software davvero performante e utile per farti progredire nello sviluppo e nella post.

Tutto questo nel mio Videocorso gratuito Corso Introduttivo a Capture ONE!

Ecco cosa troverai in questo corso:

  • Scopriremo insieme come funziona Capture One.
  • Ti svelerò similitudini e differenze rispetto a Lightroom, che forse conosci già.
  • Ti spiegherò come creare un catalogo, importare le immagini e gestirle all’interno del software.
  • Ti mostrerò come personalizzare l’interfaccia per essere più veloce ed efficace nel lavoro.
  • Ti svelerò i segreti dell’interfaccia di Capture One, così che tu possa capirne il funzionamento.
  • Ti spiegherò come funziona e a cosa serve ogni modulo di sviluppo.
  • Avrai tutte le informazioni che ti servono per decidere se continuare la scoperta di Capture One, acquistando il software e proseguendo con il corso completo.
  • Tutto questo in un videocorso completamente gratuito!

TRAINER

Simone Poletti

SIMONE POLETTI, IL RITOCCATORE SENZA FILTRO

Simone

Emiliano di nascita e di formazione, con tutto ciò che ne consegue, Simone Poletti lavora da oltre 20 anni nel campo della comunicazione e dell’editing digitale.
Oggi è Direttore Creativo dell’agenzia di comunicazione Be&Partners, co-fondatore e Trainer di FotografiaProfessionale, illustratore digitale e artista materico-digitale con il progetto Dinamo.

Negli ultimi anni ha creato e sviluppato una serie incredibile di tecniche e metodi per la post-produzione, il fotoritocco e lo sviluppo dei negativi digitali, con applicazioni nei campi più svariati, dalla foto fashion al ritratto, dal matte-painting all’illustrazione digitale. Il lavoro di ricerca e sviluppo nel campo della post-produzione lo ha portato, attraverso FotografiaProfessionale, alla creazione di una serie di video-corsi su Photoshop e Lightroom dalle nozioni di base fino alle tecniche avanzate per l’uso professionale.

Ai video corsi si aggiungono workshop live di grande successo, sviluppati con la logica del “complete workflow”, portando gli allievi dall’ideazione dello scatto fino al lavoro finito, postprodotto e corretto, pronto per la pubblicazione.
Attraverso i corsi, i workshop ed una costante attività di tutoring online e offline, ha contribuito alla formazione di oltre 30000 fra fotografi professionisti, appassionati e ritoccatori.
Nei suoi corsi porta avanti ormai da anni una personale filosofia di utilizzo dei software per il ritocco, da Photoshop a Lightroom, che prevede la personalizzazione delle tecniche e l’applicazione costante, andando oltre l’uso “standard”. Un modo di lavorare che va al di là dei soliti filtri e dei metodi preconfezionati e uguali per tutti, una filosofia che prevede la ricerca di un reale valore aggiunto nelle tecniche utilizzate, in modo da rendere ogni fotografo e ritoccatore padrone di un metodo personale, unico e riconoscibile. La sezione “filtri” nel menù della sua copia di Photoshop si apre solo in casi estremi, e di solito per farne un uso alternativo e un po’ “sovversivo”.
La sua frase preferita è “Con Photoshop puoi fare quasi tutto quello che vuoi, tranne forse girare una modella fotografata di schiena…ma anche quello è solo una questione di tempo, e applicazione.”

Per lo sviluppo dei suoi progetti artistici personali utilizza principalmente Illustrator e Photoshop, realizzando poi la trasposizione materica dell’elaborato digitale. Ad oggi ha esposto in diverse occasioni, fra personali e collettive, in Italia e all’estero e collabora come cover-artist per diverse band dell’universo indipendente italiano.

FOTOGRAFIA PROFESSIONALE: CHI SIAMO

Company

FOTOGRAFIAPROFESSIONALE
OGGI È UN PUNTO DI RIFERIMENTO
ITALIANO PER I PROFESSIONISTI E
GLI AMANTI DELLA FOTOGRAFIA
E DELLA POST-PRODUZIONE.

FotografiaProfessionale è un progetto nato dall’esperienza di Be srl, agenzia di strategia e comunicazione integrata, fondata a Reggio Emilia nel 2000.

La passione personale per la fotografia dei suoi soci fondatori e l’esperienza quotidiana maturata nelle produzioni fotografiche e la post-produzione, sono state il carburante fondamentale che ha alimentato Fotografia Professionale, sin dalla sua fondazione nel 2009.

Vogliamo diffondere la cultura della fotografia, della tecnica fotografica, delle attrezzature e di tutte le tecniche di post-produzione.

Vogliamo contribuire ad aumentare le conoscenze e le capacità di tutti i professionisti e gli amanti della fotografia, per migliorare il risultato di tutte le loro immagini.
Vogliamo essere fonte d’ispirazione e strumento per chiunque voglia migliorare le proprie capacità fotografiche e di post-produzione.
Vogliamo creare e diffondere una cultura della post-produzione, come strumento per esprimere la creatività del fotografo e enfatizzare le caratteristiche positive dell’immagine.

Vogliamo diventare il punto di riferimento italiano per l’insegnamento di conoscenze e capacità sulla fotografia e sulla post-produzione.

Vogliamo creare un centro di eccellenza che aggreghi i migliori professionisti del settore, le migliori tecnologie e i migliori strumenti, per insegnare a chi ha fatto della fotografia la propria passione, come migliorare i propri risultati personali e professionali.

Corso Introduttivo a Capture One
  • DURATA: 50 MINUTI
  • SOFTWARE: CAPTURE ONE 8.1
Inserisci qui sotto il tuo nome
cognome e il tuo
indirizzo e-mail principale
per scaricare il corso
GRATUITAMENTE!

* È necessario compilare tutti i campi per procedere all'invio del modulo

GRAZIE DI AVERE DIMOSTRATO INTERESSE PER CORSO INTRODUTTIVO A CAPTURE ONE!

Corso Introduttivo a Capture One

Tutte le istruzioni per effettuare il download sono state inviate all'indirizzo email che ci hai fornito!

Se entro 24 ore non avrai ancora ricevuto l'email contenente le istruzioni di download prova a controllare il tuo filtro antispam.

Se hai un indirizzo Gmail, consulta il punto 2 delle nostre FAQ alla pagina https://www.fotografiaprofessionale.it/faq e segui la procedura indicata per impedire che le nostre comunicazioni finiscano nella tua casella di spam

Per richiedere qualsiasi informazione aggiuntiva sui nostri prodotti non esitare a scrivere all'indirizzo info@fotografiaprofessionale.it