News ed Eventi
Il Nostro team (4): Simone Poletti

SIMONE POLETTI IN GRAN FORMA!

28/08/2014
Simone Poletti
4 commenti ]

Il Nostro team (4): Simone Poletti

Si, lo so, non è normale che io mi scriva da solo l’articolo di presentazione, ma mi sono preso questo compito e voglio portarlo fino in fondo! E poi ho un ego così sviluppato da non poter proprio lasciare ad altri la stesura di questo pezzo 😉

A parte gli scherzi e le facezie, eccomi a presentarti un altro membro del team di FotografiaProfessionale: Simone Poletti (cioè io).

Sono quello con il fisico scolpito che vedi nella foto qui sopra: pensa, sono diventato così solo in un paio d’ore di lavoro, niente diete e niente palestra! 😉

Sono uno dei fondatori di FotografiaProfessionale e responsabile della formazione nel campo della post-produzione. Sono trainer dal vivo per tutti i workshop di post e per gran parte delle lezioni di post nei workshop di fotografia, inoltre ho realizzato, ad oggi: 43 video-corsi, 4 e-book e 2 pacchetti di Azioni per Photoshop.

Questo perchè la post è una mia grande passione, che porto avanti da anni e nella quale investo anche tantissimo del mio tempo libero.

Tutto ebbe inizio nel lontanissimo 1992: aveva appena finito il servizio militare e ritornai a lavorare nella piccola (ma tosta) agenzia dove avevo iniziato a fare apprendistato due anni prima, sotto la guida di Bob Rontani, un bravissimo grafico al quale devo gran parte della mia formazione di base.

Prima del servizio militare mi occupavo più che altro di illustrazione e grafica fatta a mano (ho iniziato ai tempi dei caratteri traferibili Letraset), ma l’agenzia di Bob era una delle primissime ad utilizzare i Macintosh e quando rientrai nei ranghi venni immediatamente messo davanti allo schermo di un computer. Bob aprì la schermata di un software del quale non avevo mai sentito il nome e mi disse: “Ecco, inizia e provare gli strumenti e impara ad usarlo, se hai domande, io sono qui”.

Lo scatto orginale
La foto ritoccata

Quel software era Adobe Photoshop 2.0.1, ovviamente in inglese. Tanto per capirci, la versione attualmente in commercio, quella che chiamiamo Photoshop CC… è la 14.0 😉

In quella versione di Photoshop non c’erano i livelli, non c’erano le regolazioni, il testo non era ri-editabile, c’erano solo alcuni strumenti e una serie per me comunque fantastica di funzionalità e potenzialità. Fu amore a seconda vista: il primo giorno lo odiavo, ma dopo un paio di pomeriggi passati litigando con i pennelli e i ricchi 256 colori del mio monitor, ero già schiavo di Photoshop!

Da quel momento in poi fu tutta discesa: la passione per il ritocco, lo studio continuo anche grazie ai tanti corsi e workshop dal vivo frequentati. Lasciai la prima agenzia e andai a lavorare in un’altra a Modena, e qualche anno dopo decisi di aprire, insieme a Paola, Andrea, Simone ed Elisa, una nostra agenzia di comunicaziuone: Be&Partners. Piano piano quella passione diventò un tratto distintivo della mia figura professionale di pubblicitario: anche oggi, nonostante il mio ruolo in agenzia si quello di Direttore Creativo, rimango sempre quello “bravo con Photoshop”, quello dei ritocchi difficili e dei lavori più complessi in fase di fotomontaggio ed elaborazione digitale.

Un po’ alla volta diventai il ritoccatore preferito di alcuni fotografi che gravitavano intorno all’agenzia: non solo correggevo le immagini che scattavano per i nostri clienti, spesso mi portavano anche le foto che realizzavano per altri clienti ed altre agenzie, così che le ritoccassi per loro.

Fu proprio uno di questi fotografi a far nascere l’idea sulla quale poi abbiamo costruito FotografiaProfessionale. Questo fotografo (si chiama Massimo) un giorno mi telefonò e mi disse: “Ciao, ti devo portare delle foto di still life moda che ho fatto per Vogue Accessori e poi ho pensato ad una cosa… Se io ti mandassi il mio assistente digitale? Così gli fai qualche lezione, gli insegni ad usare Photoshop e così realizza lui i miei ritocchi e non devo più pagare te.”

Le foto per Vogue erano degli still life di scarpe e valigeria in bianco e nero, meravigliose. Ma il punto è un altro: dopo aver ringraziato Massimo per la sua volontà di smettere di pagarmi, mi resi conto (non proprio in quel momento, solo qualche tempo dopo) che l’indipendenza nella post stava diventando un’esigenza diffusa fra i fotografi professionisti. Infatti nei mesi seguenti altri fotografi chiesero la stessa cosa e altri assistenti necessitarono di formazione. Purtroppo non avevo tempo di seguirli tutti, ma ci fu chi, in agenzia, ci vide molto più lungo di me e capì che l’esigenza espressa dai professionisti sarebbe stata presto anche degli appassionati di fotografia, e presto sarebbero serviti strumenti più efficaci e alla portata di tutti per fare formazione sulla post e sulla fotografia.

Quel giorno nacque, almeno nelle intenzioni, FotografiaProfessionale!

Come proseguirono le cose lo puoi immaginare quardando la situazione attuale: oggi siamo realtà numero 1 in Italia nella formazione nei campi della tecnica fotografica e della post-produzione. Abbiamo quasi 100.000 utenti, in crescita costante, oltre 36.000 iscritti al sito web e alle nostre newsletter, abbiamo erogato quasi 120.000 video-corsi ed e-book e ogni anno realizziamo 12 eventi live fra workshop e seminari…

Qualche anno fa, in versione : Ministro di Photoshop

Io oggi ho 42 anni, sono un signore con la barba grigia, un po’ di tatuaggi (altra mia grandissima passione) e continuo ad occuparmi di post-produzione. Nel frattempo ho studiato per imparare a fare fotografie, continuo ogni giorno a cercare nuove tecniche di ritocco, studio quelle dei mie colleghi, ne creo di nuove, vado a corsi (quando posso) e studio video-corsi ed e-book quando ho meno tempo.

Ho scoperto che mi diverto tantissimo a trasferire agli altri ciò che so e che non c’è soddisfazione grande come trovarsi davanti ad un fotografo che ti dice “Grazie, finalmente riesco a ottenere ciò che voglio senza impazzire e senza passare ore davanti ad un computer”.

Ho sempre pensato, e continuo a credere, che la post sia uno strumento fantastico a disposizione dei fotografi. Non è un’arte, non è una disciplina legata alla grafica. No, io credo che sia uno strumento, al pari di un’ottica o di un filtro polarizzatore; uno strumento in grado di enfatizzare i pregi di una fotografia, se utilizzato al meglio 😉

Proprio per questo, proseguo il mio lavoro cercando di formare il maggior numero possibile di fotografi, così da diffondere anche una certa “cultura della post”, fatta nel modo giusto e con le giuste dosi… credo che la fotografia abbia solo da guadagnarne.

Nel tempo libero, oltre a continuare a farmi fare tatuaggi, mi dedico ad un progetto “artistico” fatto di grafica e messaggi, di collage e poster. Sono sempre stato un grandissimo appassionato di musica: metallaro da ragazzino, dedito al punk e all’Oi! negli anni successivi e ora più rivolto a sonorità Wave e indie. Per questo seguo alcune band italiane con le quali collaboro per la realizzazione delle grafiche e (in un caso) anche dei testi.

Ormai sai tutto di me, non mi resta che darti appuntamento al prossimo post dedicato ad un membro del nostro team e ovviamente augurarti buon lavoro e buon divertimento 😉

Ciao e a presto

Simone Poletti