Interviste

Interviste realizzate da FotografiaProfessionale.it con fotografi e riotccatori, professionisti del mondo della fotografia e della postproduzione.

In evidenza
Stefano Oppo: mantenersi con la fotografia stock

FOTOGRAFIA DI STEFANO OPPO

18/03/2019
Francesca Pone

Manca davvero poco al Photography PRO Day 🙂

Stefano Oppo, fotografo stock, sarà uno degli otto magnifici relatori di quest’edizione.

Se ancora non conosci il mondo della fotografia stock, non puoi assolutamente perderti la nostra chiacchierata 😉

Stefano Oppo
Stefano Oppo

 

 

FP: Ciao Stefano, innanzitutto grazie per l’intervista. Raccontaci chi sei!

 

Sono Stefano Oppo e sono un fotografo e videomaker professionista da oltre trent’anni 🙂

 

FP: Quando e come hai iniziato ad essere un fotografo stock? Ora lo sei a tempo pieno?

 

Ho iniziato nel 1995: l’agenzia fotografica di Milano per cui lavoravo distribuiva tramite cataloghi cartacei le immagini delle grosse agenzie di stock americane, tedesche e olandesi.

Quando decise di mettersi in proprio e di creare una collezione tutta Italiana, mi fece un contratto per realizzare 50 produzioni. Probabilmente sono stato il primo fotografo a realizzare produzioni di stock a Milano. Da lì poi sono stato contattato da agenzie con cui lavoro tutt’ora.

 

Fotografia di Stefano Oppo

 

FP: Come ti sei approcciato alla fotografia stock?

 

Inizialmente non è stato facile: dovevo fare tutto da solo, cercare truccatori promettenti che non facessero pagare troppo, dovevo trovare una stylist che portasse vestiti ma anche accessori e oggetti di scena e, soprattutto, dovevo trovare modelli a basso costo, in un periodo in cui i modelli a Milano costavano davvero tanto.

 

FP: Quali sono i criteri con cui un’agenzia stock seleziona i propri fotografi?

 

Non è l’agenzia che sceglie i fotografi di stock, ma è il fotografo che decide se fare stock. È un mestiere che richiede molta costanza e molto impegno: conosco fotografi professionisti che sono stati contattati da grosse agenzie ma poi non hanno continuato, altri invece che non sono neanche fotografi hanno presentato i loro lavori ad un’agenzia e sono stati ingaggiati.

Fotografia di Stefano Oppo
Fotografia di Stefano Oppo

 

FP: Che consigli daresti a quelli che vogliono far diventare la fotografia stock una fonte di guadagno a tempo pieno?

 

Non scoraggiarsi se gli inizi sono poco promettenti: la fotografia di stock funziona come un volano, deve prendere velocità prima di decollare. Inoltre iniziare da soli è molto difficile perché i contenuti che vengono richiesti dal mercato sono difficili da individuare senza una esperienza specifica.

 

Fotografia di Stefano Oppo

 

FP: Come vedi il rapporto tra fotografia e post-produzione? Ti occupi personalmente della post dei tuoi scatti?

 

È un rapporto strettissimo: la post ha la stessa importanza che aveva una volta il laboratorio di sviluppo quando bisognava avere un amico sviluppatore per ottenere i risultati desiderati! Oggi bisogna saper utilizzare sia Lightrooom che Photoshop. Personalmente sono molto esigente e mi piace controllare tutte le fasi, dallo scatto alla post produzione. Se non fossi in grado di farmi la post da solo, allora dovrei trovare qualcuno coi miei stessi gusti estetici.

 

FP: Quali sono i soggetti che preferisci fotografare? E quelli più venduti tra le tue fotografie?

 

Mi piace molto fotografare le persone, infatti quelli sono anche gli scatti più venduti. Questo, però, non vuol dire necessariamente che siano quelle che fanno guadagnare di più…
Fotografia di Stefano Oppo

 

FP: Il 23 Marzo sarai al Photography PRO Day. Su cosa sarà impostato il tuo speech? Sei emozionato?

 

Non tutti conoscono il mercato della fotografia di stock, quindi parlerò di come si diventa fotografi di stock e di cosa bisogna fare per avere successo in quel campo, ancora oggi poco conosciuto 🙂

 

FP: C’è qualcosa che non ti ho chiesto e vorresti dirmi?

 

La fotografia di stock è un mercato che, con poco impegno, permette di avere un introito mensile. Quanto grande dipende da noi, tutto sta ad iniziare 😉

 

FP: Allora ci vediamo il 23 Marzo, grazie Stefano!

 

Francesca

Interviste
Riccardo Pieri, fotografo di emozioni

Fotografare matrimoni significa costruire racconti fatti di emozioni, scoperte e condivisioni. Tutto con uno stile unico, proprio come dice Riccardo Pieri.

La rivoluzione della fotografia secondo Luca Pianigiani

Con l'avvento dei nuovi media, anche la fotografia è cambiata e con questa il mestiere del fotografo. Ce lo spiega Luca Pianigiani 😉

Daria Bonera: un’agente di rappresentanza al Photography PRO Day

Tra i relatori dell'edizione 2019, ci sarà Daria Bonera, agente di rappresentanza e photoeditor. Come si cercano nuovi talenti nel mondo della fotografia? 🙂

Emilio Tini e un modo nuovo di produrre Fotografia di Moda

Emilio Tini propone una fotografia fuori dal comune, che va oltre la superficialità: è ciò che troviamo nel suo progetto "Fantastiche Visioni" 🙂

La Post secondo Martina Romano

Tra qualche risata e qualche gaffe, la giovane ritoccatrice torinese Martina Romano ci ha raccontato di lei e della sua carriera nel mondo della Post 🙂

I racconti di Gianluca Colla

Dopo mesi a rincorrerlo, finalmente riesco ad intervistare Gianluca Colla. Paesaggi e storytelling: natura e uomo sempre a fuoco.

In viaggio con un paesaggista: Enrico Pescantini

In "In viaggio con un paesaggista" intervisto un importante fotografo di paesaggio. Leggi di Enrico Pescantini, ed il suo approccio alla fotografia.

Giorgio Cravero, fotografo di Still Life, ci racconta un mestiere “artigianale” come la fotografia

Giorgio Cravero, fotografo di Still Life torinese, è uno degli esperti del settore che gli studenti di Accademia di Post hanno avuto l'onore di conoscere.

In viaggio con un paesaggista: Alberto Maccagno

In "In viaggio con un paesaggista" intervisto un importante fotografo di paesaggio. Leggi di Alberto Maccagno, ed il suo approccio alla fotografia.

Pagina 1
 1 234