Recensioni
JpegMini… qualità Maxi?

JPEGMINI – QUALITÀ MAXI?

21/12/2016
Simone Conti
2 commenti ]

JpegMini… qualità Maxi?

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

JpegMini è un software che ottimizza sia la dimensione dei file sia i tempi di chi lavora con le immagini, senza rinunciare alla qualità.
L’ho provato e sono pronto a rispondere ad una domanda:

è proprio così?

 

Erano settimane, forse mesi, che sulla mia bacheca Facebook venivo bombardato da annunci pubblicitari relativi a un software per l’ottimizzazione della compressione Jpeg.

Ad Ottobre ho partecipato al Photo Plus di New York (ne ho parlato nella recensione del Profoto D2 500 AirTTL e in quella di NiSi & IRIX 15mm f/2.4) e, dopo tanti annunci, proprio lì mi sono trovato a una persona in carne ossa che mi ha chiesto: «Hai mai sentito parlare di JpegMini?»

Apriti cielo! Gli ho risposto che erano SETTIMANE INTERE che non facevo altro che vedere i loro video e i loro annunci pubblicitari su Facebook… non ne potevo più! 😀

La risposta che ho ricevuto è stata semplice, disarmante e molto efficace: «Sì, ok! Grazie per avere validato l’efficacia del nostro targeting su Facebook, ma alla fine l’hai provato?»

Dani, il ragazzo con cui parlavo, ha continuato:

«Se consegni grosse quantità di foto via web, hai un archivio online con file Jpeg pronti da scaricare per i clienti oppure devi mandare in stampa delle foto è uno strumento utilissimo perché ti fa risparmiare spazio senza minimamente rinunciare alla qualità percepita! Anzi, guarda… abbiamo qui un album di foto dove fianco a fianco puoi vedere il file originale e quello elaborato da JpegMini stampate… ti sfido a trovare le differenze!»

Il mio cervello durante il processo di traduzione dall’Inglese all’Italiano e poi al “Simonese” (il mio personale linguaggio di elaborazione interna) si era arrestato su due punti nevralgici (segue ‘stream of consciousness in Simonese’):

 

  • “Cavoli, mi sto comportando come le persone che giudicano un software, un prodotto, un video-corso ( 😀 ) senza averlo mai provato… Devo cambiare istantaneamente questo mio comportamento da beota! Prima di dire che non mi serve o non mi soddisfa… devo provarlo!
  • “Ma perché mi mostra delle foto stampate (anche dei bei 30×40, eh) quando, ovviamente, la stampa fotografica Type-C (cioè la classica stampa fotografica alla quale siamo abituati) “ammazza” ogni tipo di dettaglio e rende totalmente inutile il confronto? Anche due Jpeg stampati partendo da file con livelli di compressione molto differenti sono generalmente indistinguibili… mi starà ‘perculando’?”

 

L’immediata conseguenza di queste due riflessioni è stata decidere che avrei sicuramente provato JpegMini, cercando di capire cosa fa e come lo fa.

La prima domanda che ho fatto a Dani invece è stata proprio sulle modalità di lavoro del software. Volevo sapere se si trattasse solo di una semplice ottimizzazione della tabella di Huffman o di qualcosa di più articolato.

Per tutta risposta ho ottenuto uno sguardo perplesso, ma curioso… seguito dalla verbalizzazione di quel dubbio ancora inespresso:

«Ma tu fai il fotografo?»

Mi succede spesso… quasi sempre! È il risvolto di avere un background non solo come fotografo… mi piacciono le domande difficili e sono curioso di trovare le risposte!

 

Dani mi spiega che JpegMini è molto più di un semplice ottimizzatore, è una specie di “intelligenza artificiale” che fa più velocemente e meglio il lavoro che potrebbe fare chiunque attraverso vari tentativi. Praticamente il software fa tutte le ottimizzazioni del caso sull’algoritmo di compressione Jpeg e prova “automagicamente” tutte le combinazioni possibili per ridurre lo spazio occupato su disco.

Grazie a un algoritmo di analisi dell’immagine è in grado di capire se c’è differenza percepibile tra un’immagine da lui elaborata e l’originale… a parità di qualità sceglie quella che occupa meno spazio!

 

Terminata la spiegazione e creata un poco più di confidenza termina con: «Lo so che mostrare le stampe tecnicamente non ha alcun senso, occorrerebbe guardare i pixel e come il file viene codificato, ma mostrare le stampe è l’unico modo che abbiamo trovato per attirare l’attenzione dei fotografi: generalmente sono più “visivi” che tecnici!»

Devo ringraziare Dani Megrelishvili e tutto il team di JpegMini per avermi inondato di messaggi pubblicitari e per avermi regalato una licenza di JpegMini Pro da testare… perché se non fosse stato per loro non mi sarei forse fermato al loro stand, mi sarei perso una piacevole chiacchierata e avrei perso l’opportunità di provare senza alcuna spesa un prodotto riguardo al quale ero decisamente scettico.

 

Senza titolo-1

Come ho eseguito i test?

 

1.

Ho stabilito un campione di 10 immagini di varie dimensioni salvate in Jpeg e tutte alla stessa risoluzione, tanto la risoluzione per questa prova non conta (maggiori info su questo dettaglio le trovi in un eBook di Simone Poletti… “Dallo Scatto alla Stampa”).

2.

Visto che JpegMini, oltre ad ottimizzare la dimensione dei file ha come scopo quello di ottimizzare i tempi di chi lavora con le immagini, ho cercato di capire quanto sia migliore del mio normale modello di lavoro: lavori batch in Photoshop. Ho creato un paio di azioni da poter eseguire in batch utilizzando sia la normale funzionalità “Salva…” che “Salva per Web…” avendo l’accortezza di includere e rispettare il profilo colore di partenza in ambedue i casi (JpegMini lo fa di default).

3.

Ho cronometrato i tempi che occorrono per passare da una cartella di immagini “non trattate” a una cartella di immagini ottimizzate.

Ecco i risultati:

 

File OriginaliPhotoshop
“Salva…”
Photoshop
“Salva per Web…”
JpegMini
Tempo richiesto per iniziare il processoN/A≈19s≈19s0s
Tempo totale dell’operazione per le 10 immaginiN/A44.22s58.11s31.41s
Spazio totale su disco della cartella immagini248.0MB74.7MB109.7MB90MB
Spazio risparmiato0.00%69.88%55.77%63.71%

 

JpegMini si presenta come l’alternativa più rapida per ottenere lo scopo, ma non la migliore per quanto riguarda l’occupazione su disco.

Mi aspetto però, grazie alla sua modalità di funzionamento, il miglior risultato per quanto riguarda l’assenza di artefatti e qualità in generale delle immagini.

Con Photoshop mi sono affidato a settaggi standard per il salvataggio (Qualità 10 con Baseline ottimizzata per “Salva…” e qualità a 85 con sfoca 0,1 per “Salva per Web…”) di tutte le immagini quindi nessuna ottimizzazione è stata fatta rispetto a contenuto, risoluzione e grana dell’immagine. Diamo quindi uno sguardo ai risultati facendo quello che gli Americani chiamano “Pixel Peeping” che anche in Italiano assume un suo senso… il “Pixel Pipping”… “farsi le pippe” con i pixel 😀

 

JpegMini Vs Photoshop “Salva” Vs Photoshop “Salva per Web”
JpegMini Vs Photoshop “Salva” Vs Photoshop “Salva per Web”

 

Se guardi con attenzione il composit di ritagli che ho messo qui sopra (se vuoi puoi scaricare il file TIFF da qui per essere sicuro di vedere “i pixel giusti”!) noterai come il metodo 1 porti ad una leggere accentuazione del contrasto del dettaglio sugli artefatti Jpeg, il metodo 2 “impasti” un po’ il dettaglio e il metodo 3 rispetti in modo abbastanza accurato l’originale.

Avrai anche notato che, se non hai scaricato il file TIFF dal link qui sopra e non hai osservato l’immagine almeno al 200% dell’ingrandimento, le differenze sono NULLE.

Questo significa che “ambetre” (lo so che non si dice!) i metodi, a mio modo di vedere, sono perfettamente validi sia per l’uso su web che per la stampa in qualità fotografica: in una stampa fotografica (se non si ricampiona e si usa una risoluzione di almeno 200dpi) si può tranquillamente utilizzare un qualsiasi metodo di compressione.

 

Dai uno sguardo al confronto qui sotto! Si tratta di una delle immagini di partenza salvata per il web da Photoshop comparata side-by-side con il risultato ottenuto da JpegMini (RICOMPRIMENDO la stessa immagine con cui viene confrontato!)… Cosa te ne pare?

Salva per Web... (521 KBytes) Vs. JpegMini (264 KBytes)

 

A questo punto, ho due domande per te:

  • perché non usare il metodo più veloce o quello che comprime maggiormente (a seconda delle priorità), soprattutto se si devono gestire molte migliaia di immagini come nel caso dei fotografi sportivi, di moda per le sfilate o dei matrimonialisti?
  • quale dei tre metodi sceglieresti per comprimere e ottimizzare ancora meglio i tuoi file Jpeg per la consegna finale?

 

Eh, sì… lo so… vorresti sapere quale dei tre è JpegMini, vero? Mi spiace, ma non te lo dirò (non subito almeno). Per fare in modo che anche la tua percezione sia totalmente scevra da ogni preconcetto vorrei che tu ragionassi e decidessi semplicemente osservando i risultati… visto che sono quelli che contano realmente! Non credi?

Scrivi qui sotto nei commenti (QUI SOTTO nei commenti dell’articolo sul blog, non su Facebook) cosa ne pensi e quali sono le corrispondenze tra metodo 1, metodo 2 e metodo 3 con i relativi approcci usati per l’ottimizzazione.

Tu quale dei tre sceglieresti se avessi bisogno di comprimere e ottimizzare ulteriormente i tuoi file Jpeg?

Sono ansioso di leggere cosa ne pensi!

Simone Conti

 

P.S.: Se vuoi approfondire un po’ il tema dell’ottimizzazione dei file in Jpeg e anche il mondo dell’automazione di Photoshop ti consiglio di dare uno sguardo a questi 2 corsi realizzati da Simone Poletti:

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Tecnica Post-Produzione
12 cose da EVITARE come la peste quando ritocchi le tue immagini (2a Parte)

12 COSE DA EVITARE: LA SECONDA PARTE!

04/11/2016
Simone Poletti
1 commento ]

12 cose da EVITARE come la peste quando ritocchi le tue immagini (2a Parte)

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Ci sono altre 6 cose da evitare nella post di una fotografia. Altre 6 tremende “trappole”!

 

Qualche giorno fa ho iniziato ad elencarti quelle che, secondo me, sono le 12 cose da evitare per ottenere una post di qualità, quelle che devi fuggire come la peste se vuoi che le tue immagini siano belle, salve e naturali 😉

Le prime 6 “Cose da Evitare” le trovi qui, nella prima parte di questo articolo, ma ricapitoliamole brevemente:

  1. Non sfruttare al meglio le potenzialità del RAW
  2. Applicare regolazioni contrastanti
  3. Non considerare i Profili Colore
  4. Schiarite locali con effetto “Luce Divina”
  5. Desaturazione selettiva
  6. Colori iper-saturi e innaturali

Sono tutte cose che anche io ho fatto, almeno una volta, per poi capire che erano dannose, quindi se anche tu hai una foto che fa parte della lista… non te ne vergognare!

Da anni mi occupo di editing delle immagini e di formazione nel campo della post, e so che esistono le mode e alcune cose sono irresistibili…

Tutti abbiamo maltrattato un HDR, almeno una volta nella vita.

È un passaggio importante nella vita di ogni fotografo/ritoccatore.

Un trauma dal quale si deve guarire, uscendone migliori 😉

Ma capita che qualcuno rimanga catturato nella rete degli aloni e della iper-saturazione, quindi può essere utile che io finisca la mia lista e ti elenchi le

Altre 6 cose che dovresti sempre evitare quando correggi le tue foto (Seconda parte da 7 a 12)

PS: Come nel precedente articolo, userò degli esempi pratici, torturando appositamente alcune fotografie di Simone Conti.

Se sei una persona sensibile e dallo spiccato senso estetico… non proseguire nella lettura, potresti soffrire molto.

LEGGI TUTTO >>

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Tecnica Post-Produzione
12 cose da EVITARE come la peste quando ritocchi le tue immagini (1a Parte)

DESATURAZIONE SELETTIVA? NON LO FARE!

13/10/2016
Simone Poletti

12 cose da EVITARE come la peste quando ritocchi le tue immagini (1a Parte)

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Ci sono 12 cose da evitare, cose che possono rovinare la post di una fotografia anche solo a nominarle.

 

Proviamo: “Desaturazione Selettiva“. Ecco, vedi?

Ogni tanto incontro un amico di vecchia data o mi presentano qualcuno e mi viene chiesto “Cosa fai nella vita?

Ho riformulato la risposta tante volte, in base all’evoluzione del mio ruolo professionale e in base all’umore del periodo. Ultimamente rispondo:

“Fra le altre cose, insegno ai fotografi ad usare Photoshop senza farsi male”.

La definizione è riduttiva e non spiega nel dettaglio cosa faccio io o cosa fa FotografiaProfessionale, ma ha tre grandi pregi:

1) chiarisce il “succo”

2) è sintetica e soprattutto…

3) la capiscono tutti 😉

Nel mio ruolo di “Istruttore di Anti-Infortunistica per Photoshop“, mi capita spesso di parlare con fotografi e ritoccatori. Durante i workshop, durante le giornate di Accademia, in occasione dei seminari e degli eventi a cui partecipo in giro per l’Italia, ma anche rispondendo a post su Facebook, email e messaggi privati.

E capita sempre più di frequente di discutere di questa o quella tecnica, di certi effetti e certe mode tipiche del ritocco.

Soprattutto durante le lezioni dell’Accademia di Post cerco di indirizzare i miei allievi il più lontano possibile dagli “scogli” che possono essere davvero dannosi per le loro fotografie e per la qualità della loro post.

Ho cercato di riassumere i consigli che do di solito in Accademia in alcuni punti, alcune cose che secondo me un fotografo non dovrebbe fare mai, o dovrebbe smettere di fare subito! Eccole qui insieme a qualche esempio di immagine devastata dal ritocco.

12 Cose che dovresti sempre evitare quando correggi le tue foto (Prima parte: da 1 a 6)

LEGGI TUTTO >>

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Recensioni
Noleggio di attrezzatura fotografica: la mia esperienza con Co-Rent

NOLEGGIARE ATTREZZATURA CON CO-RENT

17/08/2016
Gloria Soverini
1 commento ]

Noleggio di attrezzatura fotografica: la mia esperienza con Co-Rent

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

In Italia, il noleggio è percepito come un servizio per soli professionisti o per grandi produzioni; l’appassionato non crede di poterne usufruire, un po’ perché magari non conosce servizi di questo tipo, un po’ perché la spesa gli risulta eccessiva. Non è sempre così, e voglio raccontartelo attraverso la mia esperienza personale.

 

Il 16 giugno, poco più di due mesi fa, scrivevo sulla nostra pagina Facebook questo post:

Ogni giorno riceviamo tantissimi messaggi ed email da parte di persone che chiedono consigli su questa o quella macchina fotografica, sull’obiettivo “tuttofare” migliore o su quello più adatto alla fotografia di paesaggio.
Ecco 3 PUNTI per la scelta di un nuovo acquisto 🙂

  1. Sfatiamo un mito: NON esiste la macchina fotografica perfetta, così come NON esiste l’obiettivo perfetto.
    Esiste l’attrezzatura migliore PER TE, le tue esigenze e le tue tasche, quindi prima di tutto devi chiederti “Cosa ci devo fare?” e “Quanto sono disposto a spendere?”.
    Leggi questo articolo di Simone Conti per la scelta della fotocamera in tre facili step: http://www.fotografiaprofessionale.it/che-macchina-compro
  2. Il web offre tantissime recensioni sull’attrezzatura! Informati e confronta corpi macchina ed obiettivi: ti aiuterà a prendere maggior confidenza con le caratteristiche tecniche e ti obbligherà a valutare ancora più attentamente le tue priorità.
    Punti agli ISO? Alla velocità di messa a fuoco? All’incisione della lente? Alla leggerezza? È proprio il caso di scoprirlo 😉
  3. A meno che tu non soffra di G.A.S. (Gear Acquisition Syndrome), prima di acquistare un nuovo strumento… NOLEGGIALO! Si tratta di un investimento molto utile per darti la spinta finale e per testare con meno l’attrezzatura prima di acquistarla: potresti accorgerti che l’alternativa che hai scartato era in realtà la migliore, oppure potresti innamorarti del tutto del corpo macchina o dell’obiettivo di cui hai tanto letto on-line.

Fra i vari commenti ce ne sono stati 3 in particolare a cui ho pensato di dare seguito con questo articolo, scritti in risposta all’ultimo consiglio: quello sul noleggio 🙂
In Italia, infatti, il noleggio è percepito come un servizio per soli professionisti o per grandi produzioni; l’appassionato non crede di poterne usufruire, un po’ perché magari non conosce servizi di questo tipo, un po’ perché la spesa gli risulta eccessiva.

 

Commento FB noleggio attrezzatura - FotografiaProfessionale
Commento FB noleggio attrezzatura #2 - FotografiaProfessionale
Commento FB noleggio attrezzatura #3 - FotografiaProfessionale

LEGGI TUTTO >>

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
News ed Eventi
Basta RAW! Reuters dixit

LA REUTERS VIETA L’USO DEL RAW

19/11/2015
Gloria Soverini

Basta RAW! Reuters dixit

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Veto per i fotografi freelance della Reuters: non saranno più accettate foto originariamente scattate in formato RAW, ma solo JPEG con “piccoli aggiustamenti”.

L’annuncio è stato fatto ai fotografi freelance attraverso questa brevissima email inviata dall’editor della Reuters:

I’d like to pass on a note of request to our freelance contributors due to a worldwide policy change.. In future, please don’t send photos to Reuters that were processed from RAW or CR2 files. If you want to shoot raw images that’s fine, just take JPEGs at the same time. Only send us the photos that were originally JPEGs, with minimal processing (cropping, correcting levels, etc).

Insomma, utilizza pure il RAW, ma scatta contemporaneamente anche in JPEG ed inviaci la foto in questo formato.

Un portavoce della Reuters ha poi confermato l’introduzione di questa policy a PetaPixel, aggiungendo che la decisione è stata presa sia per questioni di etica che di velocità.

“Dal momento che giornalisti ricoprono il ruolo responsabile di testimoni oculari degli eventi, la Reuters Pictures deve riflettere la realtà. Se è vero che miriamo alla fotografia della più alta qualità estetica possibile, il nostro obiettivo non è comunque quello di interpretare artisticamente le notizie.”

Ripeto, se non fosse chiaro:
“Se è vero che miriamo alla fotografia della più alta qualità estetica possibile, il nostro obiettivo non è comunque quello di interpretare artisticamente le notizie”.

File JPEG creato da un RAW no, file JPEG nativo sì. Cosa ne pensi?

Jpeg nativo sì, ma non da RAW
Jpeg nativo sì, ma non da RAW

La Reuters prosegue dicendo che restringere al solo formato JPEG riduce anche il tempo che intercorre fra lo scatto e la consegna della foto al cliente.

“Anche la velocità è molto importante per noi. Abbiamo dunque chiesto ai nostri fotografi di saltare la parte di sviluppo in modo da consegnare le foto ai nostri clienti più velocemente.”

Dal momento che le foto in formato RAW permettono uno sviluppo decisamente più flessibile e di qualità rispetto al JPEG, in base alla nuova politica sembra che la Reuters evidenzi che sia più facile per i fotografi cadere in tentazione e sviluppare e post-produrre maggiormente, arrivando quindi ad una distorsione della realtà.

A questo punto mi chiedo: colpa del medium o del messaggero? Tu cosa ne dici?
Dimmi la tua! 😉

Gloria

PS: ringrazio Piermichele, ex allievo dell’Accademia di Postproduzione, per averci segnalato la notizia!

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Post-produzione
Che caldo che fa… con questi RAW!

SVILUPPO DEL RAW CON CAPTURE ONE

09/06/2015
Gloria Soverini

Che caldo che fa… con questi RAW!

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Non è solo colpa dell’estate se le temperature si sono alzate: almeno qui in FotografiaProfessionale, il tema caldo è stato lo sviluppo del RAW – se sei un fotografo o un ritoccatore (magari entrambi), è probabilmente uno dei temi che ti tocca più da vicino 😉

Da anni, ormai, una delle nostre missioni è quella di promuovere una conoscenza sempre maggiore di questo formato.
Perché?
Perché il RAW è un formato grezzo, contiene tutti i dati che il sensore della fotocamera ha raccolto; il JPEG, invece, è un formato compresso i cui dati sono già stati interpretati dal processore della macchina fotografica, tra i quali contrasto e saturazione.
Questo significa che il JPEG è l’interpretazione che proprio la macchina fotografica ha realizzato di quei dati, mentre il RAW è in attesa che sia TU a decidere come la foto debba essere!

Ovviamente, ognuna delle due strade implica consapevolezza: non è detto che tu debba per forza scattare in un formato o nell’altro, ma devi sapere che cosa ciascuno implichi 🙂
Ad esempio, una delle cose dalle quali non puoi assolutamente prescindere nel caso del RAW è lo sviluppo digitale del file.

A proposito dei due software di sviluppo più utilizzati, Lightroom e Capture One, Simone Poletti ha scritto un articolo comparativo che ti consiglio di leggere prima di cominciare ad avere “le mani in pasta” con questi due programmi: ti aiuterà a capire pregi e difetti di ciascuno, dandoti un’ampia panoramica e, magari, a chiarirti le idee su quale dei due sia più adatto alle tue esigenze (ma puoi anche mixarli!). Leggilo qui.

Per permetterti di sapere quali sono i vantaggi di scattare e sviluppare i file RAW piuttosto che scattare in JPEG, ti abbiamo messo a disposizione diversi videocorsi in merito. Ecco quelli più recenti: LEGGI TUTTO >>

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Recensioni
Occhio al senza fili! Occhio all’Eye-Fi!

CONDIVIDERE L’ALBA SENZA ASPETTARE UN SOLO ATTIMO

02/07/2014
Simone Conti

Occhio al senza fili! Occhio all’Eye-Fi!

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Le vacanze si avvicinano, c’è chi le ha già iniziate e c’è chi le inizierà a breve. Quello che è certo è che questo è il periodo in cui maggiormente si sente il desiderio di condividere immagini velocemente con gli amici e tutti quelli che ci seguono sui social network. Si sa… da sotto l’ombrellone o distesi rilassati in spiaggia è più semplice condividere foto e “sbirciare” tra quelle che condividono i tuoi amici, vero?

Anche chi fa fotografie per lavoro, se veramente ama ciò che fa, non riesce ad esimersi dal continuare a portare con sé qualcosa che produca immagini. Soprattutto non riesce ad esimersi dal condividere nel modo più facile e rapido possibile la propria visione… anche in ferie, anche nel tempo libero!

Non è così anche per te? Io non riesco proprio a farne a meno!

Che macchina portare con sé è sempre un grande dilemma. Anche su Facebook recentemente abbiamo innescato un piccolo dibattito interessante per capire quale possa essere una fotocamera abbastanza compatta da essere sempre al nostro fianco.

Io, già da diverso tempo, ho la mia personale “coperta di Linus”. Non riesco a separarmene, è sempre con me e, se così non è, mi sento un poco perso! Se mi conosci sai di cosa sto parlando… io non riesco  a separarmi dalla mia fidata e amata Fuji X100s. Da quando poi mi ho acquistato questo accessorio… è proprio amore, amore, amore! 🙂

Ma oggi non voglio parlare di lenti, corpi macchina, evil, reflex o cose di questo genere. Oggi vorrei condividere con te un approccio che ho iniziato ad adottare negli ultimi mesi e che mi sta dando un sacco di soddisfazioni.

Come ti dicevo, ho la mia “coperta di Linus” e la miglior soddisfazione che posso trarre dall’averla sempre con me è la possibilità di trasferire immediatamente i risultati, gli scatti, a un device in grado di condividerli online. Ormai le macchine di cui ti accennavo a proposito della discussione su Facebook poco sopra hanno tutte il supporto WiFi quindi è decisamente semplice connetterle al tuo smartphone e, in men che non si dica, avere gli scatti pronti per essere condivisi.

Cosa succede però se la tua macchina non ha ancora supporto WiFi? Ne avevo già parlato in passato su queste pagine, ma credo valga la pena di presentarti, se non lo conosci già, un prodotto decisamente interessante!

Scheda SD Eye-Fi mobi 16GB
Scheda SD Eye-Fi mobi 16GB

Sto parlando della scheda SD Eye-Fi Mobi (disponibile nei tagli da 8GB, 16GB e 32GB). Questa scheda SD riduce le configurazioni al minimo… praticamente nessuna configurazione è necessaria!

L’SD crea una connessione diretta tra macchina fotografica e device (iPhone, iPad, ecc.) e tu non devi configurare praticamente nulla se non scegliere il nome della scheda e avviare l’applicazione Eye-Fi (che puoi scaricare da Apple AppStore o da GooglePlay). Vedrai arrivare le tue foto direttamente dalla macchina al device senza preoccuparti di nulla!

Non è fantastico? Per me è veramente comodo, pratico e… liberatorio! Preferisco fotografare con la mia Fuji X100s piuttosto che con l’iPhone, ma non voglio perdere la possibilità di condividere immediatamente i miei scatti, magari dopo una rapida post-produzione con Snapseed (che puoi scaricare da Apple AppStore o da GooglePlay).

Un difetto che avevano le schede Eye-Fi di vecchia generazione era la velocità. Ora questo problema è stato completamente risolto e le schede Eye-Fi Mobi sono delle SDHC Cl10, veloci a sufficienza anche per reggere stream di registrazione video. Unici due difetti che posso trovare in queste nuove schede SD Eye-Fi Mobi sono l’impossibilità di scegliere quale immagine scaricare singolarmente dalla scheda e il mancato supporto al formato RAW (si può scattare in RAW ma la scheda non lo trasmette al device).

Se l’ultimo “problema” è, a pensarci bene, una feature visto che rende il trasferimento molto più rapido, l’impossibilità di scegliere la singola immagine da scaricare è veramente una pena. A volte è necessario, se si sono scattate varie foto, attendere anche diversi minuti prima di vedere apparire sul telefono o sul tablet l’immagine desiderata. Si tratta comunque di ostacoli assolutamente di scarsa entità che non impediscono di godere al massimo di questa libertà in più in mobilità, in ferie o nel tempo libero!

Condividere immagini on-the-go
Condividere immagini on-the-go

Domenica scorsa, ad esempio, ero sul Lago di Garda per fare un po’ di foto di paesaggio. Mi sono svegliato molto presto… l’alba nei dintorni del solstizio d’estate è veramente tosta! 🙂

Quale migliore soddisfazione ci può essere se non estrarre immediatamente un file Jpeg, così come uscito dalla macchina, e condividerlo con gli amici… che erano ancora pacificamente a letto beati? 🙂

Prima di partire per le ferie quindi… perché non acquistarne una anche tu? Ti assicuro che è veramente comoda e pratica!

Già che ci siamo e che le immagini di questo articolo sono a tema, ne approfitto per fare un piccolo “spot”! 🙂

Tecniche Avanzate di Ritocco del Paesaggio
Tecniche Avanzate di Ritocco del Paesaggio

Se sei un appassionato di foto di paesaggio, ricorda che fino alla fine di luglio è possibile acquistare il videocorso “Tecniche Avanzate di Ritocco del Paesaggio” di Simone Poletti a un prezzo promozionale!

Fammi sapere cosa ne pensi! Sei già abituato a scaricare le tue foto direttamente dalla macchina al telefono o tablet? Cosa usi tu per farlo?

Ciao e buone foto

Simone Conti

Share on FacebookShare on Google+Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on LinkedIn